Andrea Damante a Verissimo svela la sua verità sui tradimenti a Giulia De Lellis

Andrea Damante rivela quante volte ha tradito Giulia De Lellis e parla della loro rottura

1Ospite della prossima puntata di Verissimo, Andrea Damante ha svelato la sua verità sui tradimenti a Giulia De Lellis

Giornate intense, queste, per Andrea Damante e Giulia De Lellis. Proprio nell’ultimo periodo, infatti, i due ex protagonisti di Uomini e Donne sono nuovamente al centro del gossip, per via del libro pubblicato dalla blogger. L’ex corteggiatrice del dating show di Maria De Filippi, come sappiamo, ha da poche ore rilasciato il suo primo romanzo, Le corna stanno bene su tutto – Ma io stavo meglio senza, nel quale parla dei tradimenti del deejay. Numerosi sono i retroscena svelati dalla De Lellis, che stanno attirando l’attenzione del pubblico. Così, adesso, per la prima volta Damante ha deciso di replicare alla accuse, svelando la sua verità sui tradimenti. Ospite della prossima puntata di Verissimo, l’ex tronista ha voluto chiarire alcuni punti, mettendo a tacere le voci. Scopriamo le sue parole in merito.

Giunto nel salotto di Silvia Toffanin, Andrea Damante ha voluto chiarire la sua posizione, dando la sua versione dei fatti sui tradimenti a Giulia De Lellis. Stando alle sue parole, il deejay avrebbe avuto soltanto due flirt, ammettendo come la relazione con la blogger fosse già appesa ad un filo. Ecco cosa ha dichiarato:

“Ho tradito Giulia solo due volte perché ho ceduto alla tentazione. Non c’era già più trasporto. Ho sbagliato! Da una parte me ne sono pentito, ma non l’avevo mai fatto prima. Ho imparato che è meglio non farlo. Ci siamo lasciati perché continuavamo a litigare, non solo per i tradimenti. Quando sono partito per un lavoro a Los Angeles ho lasciato il mio pc con WhatsApp collegato. Penso che Giulia abbia trovato dei messaggi scambiati con un mio amico e credo abbia intuito lì del tradimento”

Ma non solo. Scopriamo la verità di Andrea Damante a Verissimo, che replica al libro di Giulia De Lellis.

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.