Il Brexit fa bene alla Regina: Elisabetta è sempre più ricca

Arrivare a novant’anni senza la minima intenzione di andare in pensione, protagonista della scena geopolitica degli ultimi sei decenni buoni, dalla Seconda Guerra Mondiale alla Brexit passando per le pagine di gossip e i film di Austin Powers non è cosa da tutti.
Ma Sua Maestà la Regina Elisabetta II di Windsor non finisce mai di fare notizia. E questa volta non per i suoi coloratissimi outfit ispirati agli stoppini degli evidenziatori, non per la sua passione per le auto fuori strada, e nemmeno per i divertenti video che la vedono protagonista insieme ai nipoti. Quest volta si parla di soldi. Quelli veri. Quelli che la Corona le attribuisce quale “appannaggio del Sovrano”.

Bene, stando a chi le fa i conti in tasca, Elisabetta II dovrebbe raggiungere per il 2016 il ragguardevole tetto di 45,6 milioni di sterline, sei milioni e mezzo in più rispetto all’anno precedente, per un incremento del 47 per cento negli ultimi cinque anni. All’anima dell’aumento, direte voi. Eppure, se da un lato è vero che sei milioni e mezzo di sterline in più non sono poca cosa, dall’altro è anche vero che lo stipendio di sua maestà in realtà non è aumentato: le viene riconosciuta, infatti, una percentuale sulle rendite del patrimonio immobiliare della Corona. E siccome il patrimonio è stato evidentemente gestito bene, ed è andato a crescere significativamente, ecco che come inevitabile conseguenza il 15 per cento del totale che da sempre viene assegnato a chi poggia le nobili terga sul trono rimane sempre il solito 15 per cento, ma la cifra finale fa un salto in avanti di qualche milione. Allora amministrare bene il patrimonio pubblico si puo.

Che dire, amici miei. Fortunati i nipoti e nipotini, quest’anno Babbo Natale avrà di che riempire il sacco, nel suo giro a Buckingham Palace.

1foto

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Indietro

Nessun Articolo da visualizzare