Ricetta crepe tofu funghi

Cucina | sponsor

Natale a tavola con Ki-Group: crepe di tofu con funghi

Redazione | 18 Dicembre 2020

Ki-Group rinnova la tradizione del Natale proponendo un piatto vegano a base di tofu: ecco la ricetta delle crepe di […]

Ki-Group rinnova la tradizione del Natale proponendo un piatto vegano a base di tofu: ecco la ricetta delle crepe di tofu con funghi.

POST SPONSORIZZATO – Chi l’ha detto che il Natale è solo “immobile” tradizione? Mai come quest’anno, in cui le feste avranno un sapore decisamente diverso, viene voglia di condire il consueto menu natalizio con un tocco di creatività in più. Ki-Group ha pensato per voi a una ricetta semplice ma soprattutto gustosa: le crepe di tofu con funghi.

Adatto ad ogni palato, grazie alla versatilità degli ingredienti e all’aspetto appetitoso, questo piatto potrebbe prestarsi come sfizioso antipasto, portata principale curiosa o un secondo leggero. La ricetta è perfetta per chi segue una dieta vegetariana o vegana, e con i suoi profumi e i sapori ricercati sarà una vera sorpresa per tutti i commensali.

La ricetta delle crepe di tofu con funghi è preparata con tofu di prima qualità prodotto da La Fonte della Vita, laboratorio che dalla metà degli anni Ottanta si dedica alla produzione di alimenti proteici di origine vegetale e completamente biologici. A partire dal 16 dicembre è attivo lo shop online di Ki Group, sul quale potrete acquistare il tofu di La Fonte della Vita e altri ingredienti necessari per la ricetta, con una spesa minima di 49€ e senza costi di spedizione sul primo ordine

Ma ecco come preparare le crepe!

Ricetta crepe di tofu e funghi

Di seguito, tutti gli ingredienti necessari per la ricetta delle crepe di tofu e funghi e i graduali passaggi per realizzarla. Le dosi dell’impasto sono pensate per 2 persone.

Ingredienti

(per la pastella)
– 1 confezione di tofu naturale Fonte della Vita (250-300 gr. ca.)
– 2-3 cucchiai di bevanda vegetale di soia
– Lievito alimentare in scaglie
– 2 cucchiai di amido di mais (o di frumento)
– 1 cucchiaio di salsa Tahini (facoltativo)
– 1 pz. di Curcuma
– Sale q.b.
Olio extra-vergine di oliva q.b.

(per il ripieno)
– 500 gr. di funghi a piacere
– Timo
– Prezzemolo
– Sale
– Olio extra-vergine di oliva

Preparazione

  • Monda i funghi e tagliali a fettine. Falli cuocere in una padella unta d’olio e condiscili con del sale. Lascia cuocere con il coperchio e, quando saranno teneri, aggiungi il prezzemolo fresco tritato e del timo a piacere. Spegni il fuoco e lascia raffreddare.
  • In una ciotola, sbriciola il tofu prima con le mani e poi con i rebbi di una forchetta. Mescolalo con la bevanda di soia, il lievito alimentare in scaglie, l’amido, la salsa tahini, un pz. di curcuma, sale e pepe.
  • Versa metà della pastella ottenuta al centro di una padella antiaderente già calda e unta con un goccio d’olio. Cerca di dare al composto una forma circolare di 15 cm di diametro ca., aiutandoti con un cucchiaio o una spatola leggermente unti. Copri la crepe e cuocila a fiamma dolce per 2-4 min. ca.
  • Farcisci la crepe con due o tre cucchiaiate di ripieno ai funghi (che avrai precedentemente sgocciolato), e prosegui la cottura al calore minimo.
  • Quando il bordo della crepe si sarà asciugato, sollevane un lembo per controllare la cottura (dovrà avere un colore appena appena dorato).
  • Una volta cotta, piegane una metà formando una mezzaluna. Lascia cuocere per 1 min ancora, e poi servila facendola scivolare sul piatto da portata.
  • Ripeti lo stesso procedimento fino a terminare tutto l’impasto.
Italfarmacia Novella 2000 n. 51 2022

sponsor

Liposuzione Alimentare: per Natale più salute e bellezza

Redazione | 7 Dicembre 2022

Via il grasso superfluo con il trattamento di Liposuzione Alimentare di Italfarmacia, con l’integratore Amin 21K e le nuove barrette proteiche

Natale e sovrappeso

Pur tra mille problemi, siamo ormai immersi nel clima natalizio. Come ogni anno, allora, si moltiplicano le proposte di improbabili diete last-minute. Perdere il grasso superfluo non è però solo un fatto estetico, riguarda la nostra salute e il nostro benessere!

Sovrappeso e obesità sono sempre più diffusi, insieme a patologie che hanno alla base processi infiammatori spesso determinati dall’eccessivo utilizzo di zuccheri nella nostra alimentazione.

Per liberarci del grasso superfluo scegliamo un percorso sicuro, efficace, rapido, che dia benefici alla nostra linea e soprattutto alla nostra salute.

Studi sempre più numerosi dimostrano che le diete chetogeniche, le VLCKD (very low calorie ketogenic diet), sono efficaci e sicure nella perdita di peso nel paziente con obesità.

Parallelamente alla riduzione del peso, legata principalmente alla riduzione del grasso viscerale e non della massa muscolare, si ha un significativo miglioramento del quadro lipidico, la riduzione della pressione arteriosa, la riduzione dello stress ossidativo e dell’infiammazione cronica di basso grado, la riduzione dell’insulino-resistenza.

Si hanno effetti molto favorevoli in pazienti con obesità e diabete mellito tipo 2, perché si verifica un significativo miglioramento del compenso glicometabolico, superiore a quello ottenuto con diete ipocaloriche standard.

Questi meccanismi determinano una rapida ed efficace riduzione dei principali fattori di rischio cardiovascolari.

Cos’è la liposuzione alimentare

Insomma, tra le innumerevoli proposte per perdere peso, scegliamo quella che ci farà perdere grasso e non semplicemente peso, e che riesca a proteggere la massa muscolare. Questo perché muscoli allenati fanno aumentare il metabolismo, quindi il dispendio energetico, e consentono di dimagrire o mantenere il peso forma con maggiore facilità.

L’attività muscolare influenza anche i livelli di ormoni, che regolano i processi metabolici con un effetto protettivo verso il diabete o l’eccesso di colesterolo.

La LIPOSUZIONE ALIMENTARE con AMIN 21 K consente di “aggredire” non solo il grasso sottocutaneo, ma anche il grasso addominale.

Non è una dieta, perché deve essere seguita sotto controllo medico per un breve periodo e, se necessario, può essere ripetuta. È un trattamento normoproteico, in quanto le proteine assunte corrispondono a quelle che dovrebbero essere introdotte in relazione al peso anche in un’alimentazione equilibrata.

L’integratore appositamente formulato AMIN 21 K permette che si sviluppi il processo della chetosi, per cui il nostro organismo si alimenta bruciando i grassi in eccesso. La conseguenza positiva è che la sensazione di fame scompare dopo circa 48/72 ore. La figura si rimodella, ma viene attaccata solo la “massa grassa”, e mantenuta e a seconda del caso rafforzata la “massa magra”.

La breve durata dei trattamenti proposti, l’azione della chetosi e il supporto del medico specialista garantiscono un dimagrimento rapido, sano e sicuro.

Decine di migliaia di casi studiati dimostrano che, con un trattamento, si può “perdere” in media tra il 7 e il 10% del peso.

Un nuovo supporto al trattamento

Naturalmente, alla fine del percorso, sarà necessario adottare un piano di rieducazione alimentare, ossia un regime dietetico adeguato alle nostre esigenze per mantenere i risultati raggiunti.

Un ulteriore supporto durante il trattamento sono le barrette proteiche AMIN 21K BAR, di qualità superiore. Altissima percentuale di proteine, 0 zuccheri, adatte agli intolleranti al lattosio, senza glutine, senza grassi idrogenati, senza OGM, gradevolissimo gusto cioccolato.

Le barrette AMIN 21K BAR possono essere assunte, indipendentemente dal trattamento dimagrante, da coloro che hanno bisogno di un’integrazione proteica, come gli anziani, gli sportivi, i diabetici, come ottimo spezza-fame.

a cura del professor Mario Marchetti

IPC Method Novella 2000 n. 51 2022

sponsor

IPC Method: l’ultima puntata della storia di Barbara

Redazione | 7 Dicembre 2022

Barbara ha perso 70 kg affidandosi all’IPC Method, che le ha permesso di eliminare il grasso viscerale con una dieta ipoglicemica

Barbara: il prima e il dopo grazie a IPC

Ecco la storia di Barbara Corrado, 48 anni, di Latina, sposata con tre figli, casalinga a tempo pieno, che ha deciso di perdere definitivamente peso affidandosi a IPC METHOD®.

Per dimagrire negli ultimi anni le aveva davvero provate tutte: bibitoni, tisane, pasti sostitutivi, digiuni intermittenti, ottenendo scarsissimi risultati.

Quando a inizio giugno si è rivolta al centro Lineasnella di Elena Nardone a Latina, che da tempo utilizza con grande soddisfazione il metodo IPC, aveva una sola cosa in testa: perdere 20 kg.

Durante la prima seduta di consulenza è salita sulla bilancia con un peso di 92 kg e 200 grammi per 1 metro e 65 centimetri di altezza, circonferenza vita di 108 cm, fianchi 118 cm e un indice di massa corporea (BMI) di 33,9.

Dopo tre mesi e mezzo il suo peso è di 70 Kg: ha perso in totale 22 kg e 200 gr!

La circonferenza vita da 108 cm è scesa a 74 cm: ben 34 cm persi nel giro vita.
I fianchi da 118 cm a 83 cm: persi 35 cm nei fianchi. L’indice di massa corporea è passato da 33,9 a 25,80: meno 8,1 punti di BMI.

Barbara in soli 105 giorni ha trasformato la sua taglia XL in una reale taglia S.

“Non mi riconosco più. Quando mi guardo allo specchio vedo un’altra ME. Vorrei poter consigliare a tutti questo straordinario programma”.

Barbara è riuscita nei suoi obiettivi, ha cambiato la sua vita. La sua determinazione e la sua perseveranza, unite al programma IPC METHOD®, l’hanno portata direttamente al suo traguardo di -22 kg e 200 grammi in tre mesi e mezzo, superando di 2 kg e 200 grammi il suo obiettivo iniziale di meno 20 kg.

Barbara ha cambiato la sua vita

“Grazie ad IPC METHOD® oggi ho imparato come si mangia davvero. Mangio di tutto, non mi privo di niente, né io, né la mia famiglia, perché quello che preparo per me lo preparo anche per loro. Durante questi mesi mi avete dato da mangiare di tutto. Ecco perché chiamarla dieta o regime alimentare è sbagliato. Voi spiegate alle persone come mangiare tutto e in equilibrio. Si perde peso e grasso viscerale, tutto questo rispettando la salute delle persone”.

Sono trascorse 14 settimane da quando è entrata nel nostro istituto e ci ha detto “Ho provato tutte le diete del mondo e questo è il risultato, voi siete la mia ultima spiaggia”.

Barbara in soli tre mesi e mezzo ha compreso esattamente cosa può fare una sana e corretta alimentazione a basso carico glicemico, dove nessun cibo viene escluso ma tutto è riorganizzato e bilanciato per contenere i picchi di insulina, che sono la principale causa del grasso addominale.

“Il mio corpo ha delle forme che non ha mai avuto prima. Il mio fisico è più asciutto, sono davvero sgonfia dappertutto. La gente per strada non mi riconosce”.

L’integrazione alimentare interamente organica e naturale di IPC METHOD® ha aiutato Barbara durante tutti questi mesi a contrastare gli attacchi di fame nervosa e a regolarizzare lo stato del microbiota intestinale, condizione essenziale per chi vuole definitivamente perdere peso in salute.

I trattamenti estetici fatti con regolarità settimanale in istituto hanno trasformato un eccellente risultato in un vero e proprio capolavoro estetico. La trasformazione di Barbara ne è un esempio che oggi tutti possono ammirare, lei prima di tutti gli altri.

Valleverde Novella 2000 n. 51 2022

sponsor

Valleverde: quattro passi in stile e comfort

Redazione | 7 Dicembre 2022

Sobrietà dello stile, calzata confortevole, benessere del piede e alta qualità della manifattura: sono i principi imprescindibili di Valleverde

Tra comodità e moda

Valleverde è sinonimo di comodità e moda. Un’intuizione che ha portato in breve tempo il brand ad un’ascesa senza precedenti, con un livello di notorietà tale da essere riconosciuto leader del settore.

Una filosofia votata alla salute del piede, che al tempo stesso sposa le ultime tendenze fashion.

Valleverde è da sempre il simbolo della moda comoda italiana, e con lei si evolve e rinnova. Una nuova immagine, un nuovo design, una nuova identità per essere al passo con i tempi, pur mantenendo i valori propri del brand. Questo è oggi Valleverde.

Qualità e avanguardia

Studio e ricerca sono alla base delle collezioni Valleverde, che possono contare su un team di professionisti altamente specializzato, tecniche di produzione all’avanguardia, materiali di primissima qualità, esperienza ed artigianalità, cura minuziosa e attenzione ai dettagli.

I modelli possiedono un sottopiede anatomico che garantisce un appoggio ideale ed elevata morbidezza.

Incontrare e soddisfare le esigenze del proprio pubblico è un aspetto insito nel DNA Valleverde, per questo tutti i modelli sono pensati e studiati nel pieno rispetto dell’anatomia del piede. Proposti in diverse taglie, con anche mezze misure, per trovare la calzata ideale di un prodotto quasi “su misura”.

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.