Walter Zenga Elena Di Cioccio

Walter Zenga contro l’uso sbagliato dei social da parte dei VIP

Walter Zenga porta Elena Di Cioccio a processo per diffamazione: l'ex allenatore sull'uso scorretto dei social da parte dei VIP

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Walter Zenga denuncia l’uso sbagliato dei social

Allenatore, stella del calcio e padre famoso Walter Zenga si trova oggi a vivere una vicenda personale che gli ha ispirato una riflessione sull’uso sbagliato dei social.

Nel gennaio di due anni fa la conduttrice televisiva Elena Di Cioccio aveva usato parole non proprio felici nel definire Zenga su Twitter. L’ex volto delle Iene e attrice di fiction come Squadra Mobile scriveva infatti:

“Zenga padre parla come un 16enne bullo a suo figlio che è diventato adulto”.

Era il periodo in cui Walter Zenga interveniva nell’edizione del Grande Fratello VIP allora in corso, alla quale partecipava il figlio Andrea. Con quest’ultimo l’ex portiere non ha avuto sempre un rapporto facile, salvo poi ritrovare un clima più disteso proprio grazie a quell’esperienza televisiva. Esperienza che però gli attirò anche le critiche se non gli attacchi dell’opinione pubblica, espressasi anche in termini non sempre consoni nel giudicare il rapporto tra l’allenatore e il figlio gieffino.

Elena Di Cioccio e i tweet contro Zenga

Tra le esternazioni più dure c’erano quelle di Elena Di Cioccio, che ora dovrà rispondere dell’accusa di diffamazione davanti a un giudice. A procedere contro l’attrice, che sarà difesa da Davide Steccanella, la Procura di Milano: il PM Maria Cardellicchio le contesta di aver offeso la reputazione dell’ex portiere interista.

Oltre al tweet sopraccitato, la Di Cioccio avrebbe definito Zenga “Inutile” e “Padre dall’ego ipertrofico”. Il tutto sulle sue pagine social personali, che in alcuni casi contano una platea di migliaia di follower.

Le due parti saranno in aula dal 16 giugno prossimo. E nell’attesa di conoscere l’esito del processo Walter Zenga addita l’uso sbagliato dei social network, soprattutto da parte delle celebrità.

“I social sono usati male. Specialmente dalle persone famose che dovrebbero essere d’esempio agli haters. Invece sono i personaggi i primi che si permettono di fare questo”.

Secondo l’allenatore, dunque, le risorse del Web sono spesso usate scorrettamente. I VIP dovrebbero dare il buon esempio di quella che con termine tecnico si definisce netiquette (praticamente il bon ton della Rete), invece talvolta si dimenticano di questa loro responsabilità lasciandosi andare allo stesso comportamento degli haters.

Nessun Articolo da visualizzare