Carolina Stramare parla per la prima volta dopo Miss Italia: le sue parole

Carolina Stramare parla per la prima volta dopo Miss Italia: le sue parole

1Dopo il trionfo a Miss Italia parla per la prima volta la vincitrice, Carolina Stramare

Sono passate poche ore dalla Finale tanto attesa di Miss Italia 2019, tornata in onda dopo qualche anno su Rai 1 e in diretta dal Lido di Jesolo. Per la prima volta dopo il meritato trionfo a parlare è stata la trionfatrice, Carolina Stramare. Di seguito scopriremo le sue parole e prime emozioni dopo questo importante traguardo.

Un percorso molto lungo ed impegnativo quello che ha dovuto affrontare Carolina prima di raggiungere il successo tanto desiderato. La più bella d’Italia, infatti, ha partecipato e vinto prima Miss Eleganza Lombardia e successivamente il titolo di Miss Lombardia 2019, che le ha aperto le porte a Miss Italia 2019. E proprio qui si è trovata a dover battere la concorrenza, uno step ancora più impegnativo dei precedenti.

In totale erano 80 partecipanti, esattamente come le edizioni del concorso di bellezza, fino a che non sono rimaste in 3. A contendersi il titolo finale, infatti, oltre Carolina Stramare, anche Serena Petralia e Sevmi Fernando. La giuria e il pubblico da casa, però, hanno avuto le idee piuttosto chiare, tanto da scegliere la bella genovese.

Semplice e molto legata alla sua famiglia, ha come modello di vita suo padre Romeo, che nella vita fa il mobiliere. Lei vorrebbe diventare come lui un giorno e per questo ha deciso di intraprendere il corso di formazione grafica e progettistica all’Accademia di Belle Arti a Sanremo.

A poche ore di distanza dalla vittoria, Carolina Stramare ha deciso di parlare per la prima volta. La nuova Miss Italia si è affidata al suo profilo ufficiale di Instagram e tra le storie ha scritto poche, ma significative parole:

“Sono ancora al settimo cielo…”

Si legge nell’account Instagram di Carolina, che ha continuato ancora, felice di quel che è appena successo.

Prosegui per scoprire le sue parole…

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.