federica pellegrini insultata sfogo

NEWS

Federica Pellegrini insultata a Jesolo: la risposta della campionessa

Nicolò Figini | 11 Febbraio 2022

Federica Pellegrini è stata insultata da alcuni cartelli apparsi a Jesolo. Ecco arrivare la risposta della campionessa

La risposta di Federica Pellegrini agli insulti

In queste ore Federica Pellegrini ha ricevuto degli insulti scritti su dei cartelli apparsi sul lungomare di Jesolo. La scritta in questione recitava: “Quella t***a di Federica Pellegrini, campionessa olimpica di arroganza e mitomania“. Al momento, come riporta anche il sito TPI, la Polizia sta indagando sull’accaduto. Si sta cercando di risalire agli autori del gesto. Il fatto, inoltre, è avvenuto sul “Lungomare delle Stelle” nel tratto dell’arenile intitolato alla nuotatrice.

Il duro sfogo della campionessa non si è certo fatto attendere. Ecco ciò che ha detto sui suoi profili social:

Su arroganza e mitomania non ho nulla da dire, sono dei pensieri anche se non penso di esserlo ma ci può stare. Sulla t***a invece no. È una presa di posizione invidiosa e rancorosa e mi faccio due grosse risate. Però mi dispiace e spero che ci sia qualche telecamera ma solo per vederlo o vederla in faccia. Perché non sei venuto a dirmelo in faccia che sono una t***a? Anche se sono donna posso controbattere. Ringrazio Zaia, il comune di Jesolo e tutti quelli che mi hanno espresso solidarietà per questo brutto episodio.

Il governatore del Veneto, infatti, ha preso le difese di Federica Pellegrini e con un post pubblicato su Facebook ha affermato:

È un bruttissimo gesto, oltre che un reato, che non va assolutamente derubricato a goliardata ma affrontato con rigore e stigmatizzato con forza. Sempre più persone ogni giorno vengono fatte oggetto di minacce o gesti ostili, ai quali va data da tutti una forte risposta di civiltà. Mi auguro che i responsabili vengano presto individuati e puniti con le modalità consentite dalla legge. Sono responsabili di un atto ignobile, di un ingiustificabile attacco personale a Federica, ma anche contro l’intera comunità veneta.

Continua

< Indietro Successivo >