Francesca Verdini la fidanzata di Matteo Salvini produttrice impegnata

Francesca Verdini produttrice video: la fidanzata di Matteo Salvini impegnata anche nel sociale

La fidanzata di Matteo Salvini, Francesca Verdini, ha una casa di produzione e ha realizzato una web-serie per bambini per il sociale.

1Francesca Verdini produttrice impegnata

La maggior parte delle persone la conosce come la fidanzata di Matteo Salvini o al massimo come la figlia di Denis Verdini. Ma Francesca Verdini è molto altro, prima di tutto una grande lavoratrice che da qualche anno ha fondato una casa di produzione. E di recente ha prodotto una web-serie per i bambini più piccoli con un obiettivo sociale importante: insegnare loro come proteggersi in futuro navigando in rete.

A rivelare tutto questo è il direttore di Novella 2000 Roberto Alessi che, nella sua rubrica domenicale sul quotidiano Libero, ha riportato cosa ha riferito Francesca Verdini al giornalista Massimo Murianni.

La maggior parte del pubblico la conosce come fidanzata di Matteo Salvini, leader della Lega, e figlia di Denis Verdini. In pochi sanno che Francesca Verdini è anche una professionista delle produzioni di video, che dopo anni da dipendente ha deciso di mettersi in proprio, fondando la società di produzione La Casa Rossa. L’ho sentita al telefono ed è entusiasta e gentile come poche. Di lei sapevano gli affetti famosi, e la collaborazione con suo fratello Tommado nel ristorante PaStation. Da quando ha una casa di produzione?

“Ormai sono quasi due anni, ma uno di questi è andato via con la pandemia”, ha detto al mio amico, il giornalista Massimo Murianni. “Abbiamo usato questo tempo per pensare e scrivere elleEenne la web serie per bambini che abbiamo appena lanciato. La prima puntata è stata messa on line, su Youtube, per il Safer Internet Day, giornata europea dedicata alla sicurezza in rete. Perché elleEenne ha un contenuto educativo per i bambini. Non insegna a stare composti a tavola, è sempre un programma divertente, ma dà suggerimenti per gestire le insidie che possono derivare dalla rete”. L’obiettivo? “Le vittime di vessazioni su internet sono ragazzini dai 12 ai 16 anni”, dice Francesca, “noi ci rivolgiamo a una fascia di età più bassa, dai 5 ai 10 anni, con l’idea di dare ai più piccoli gli strumenti per gestire i pericoli quando saranno più esposti”.

Il lavoro della Verdini non si ferma qui e ha già in mente grandi progetti per il futuro:

Ma Francesca puntata in alto, anche a un vero film quando si tornerà nelle sale: “Abbiamo iniziato le riprese del nostro primo film. Si intitola Ghiaccio, i registi sono Alessio De Leonardis e Fabrizio Moro, il cantante, entrambi esordienti dietro la cinepresa”.

Ma vediamo tutte le altre news dal mondo dello spettacolo…

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare