Amadeus, per i suoi 4 Festival oltre 10 milioni di copie certificate

NEWS

Amadeus, per i suoi 4 Festival oltre 10 milioni di copie certificate

Vincenzo Chianese | 20 Luglio 2023

Successo senza precedenti per Amadeus: per i suoi 4 Festival di Sanremo oltre 10 milioni di copie certificate

Traguardo senza precedenti per Amadeus

Era il 2020 quando Amadeus per la prima volta ha preso in mano le redini del Festival di Sanremo, debuttando come conduttore e direttore artistico della kermesse. Anche per i 3 anni successivi il presentatore è stato confermato come volto principale della manifestazione, ottenendo un successo senza precedenti. Come sappiamo anche per l’edizione del 2024 Ama tornerà a ricoprire il suo ruolo, tuttavia ha già annunciato che il prossimo sarà il suo ultimo Festival. Nel mentre il conduttore anno dopo anno ha messo d’accordo il pubblico, i vertici Rai e il web, facendo raggiungere alla kermesse ascolti da capogiro, come non se ne vedevano da anni.

Nel corso di 4 edizioni il presentatore ha portato sul palco ben 116 artisti, 51 dei quali al loro primo debutto. Ma non solo. Ama è riuscito a riportare in gara all’Ariston anche i giganti della musica italiana, da Giorgia, a Elisa, passando per Gianni Morandi e Orietta Berti. Come se non bastasse ha portato per la prima volta a Sanremo alcuni degli artisti più amati del momento, da Blanco, a Lazza, a Tananai.

In queste ore come se non bastasse, come fa notare All Music Italia, è arrivata una notizia che ha dell’incredibile. Grazie ai 4 Festival di Amadeus infatti sono state certificate oltre 10 milioni di copie dei singoli in gara. Ma non solo. Sono infatti 110 i dischi di platino e 17 i dischi d’oro conquistati dalle canzoni che sono state presentate a Sanremo in questi anni.

Si tratta di un traguardo senza precedenti, segno dunque che ancora una volta Ama ha fatto centro. Ma come ci stupirà il conduttore per il prossimo anno? Attualmente il presentatore sta già lavorando alla nuova edizione, e solo pochi giorni è stato rivelato il nuovo regolamento. Ma cosa accadrà stavolta all’Ariston? Non resta che attendere per scoprirlo.