Amici 22, Arisa rivela di quale suo allievo è più orgogliosa

NEWS

Amici 22, Arisa rivela di quale suo allievo è più orgogliosa

Vincenzo Chianese | 25 Aprile 2023

Amici 22

Nel corso di un’intervista, Arisa rivela di quale suo allievo di Amici 22 è più orgogliosa: ecco le parole della cantante

Le parole di Arisa sui suoi allievi ad Amici 22

Mancano ormai pochi giorni alla finale di Amici 22 e finalmente a breve sapremo chi vincerà questa edizione del talent show. In attesa dell’ultima puntata, in queste ore a rilasciare una lunga intervista a Tv Sorrisi & Canzoni è stata Arisa. La cantante, nel corso della chiacchierata, ha così rivelato di quale suo allievo è più orgogliosa, e a quel punto ha fatto il nome di Federica, che solo di recente è stata eliminata dal programma. Queste le parole di Arisa, riportate da Isa&Chia:

“Federica è il simbolo della didattica buona di Amici. Quando è arrivata aveva solo un grande cuore ma non aveva tecnica, non riusciva a cantare a regola d’arte e non rispettava le melodie. Si è impegnata al cento per cento, ha iniziato a suonare il pianoforte, non ha mai ricevuto un provvedimento disciplinare. È stata un’allieva modello, una veramente forte, ed è riuscita a competere con Angelina, per esempio, che pur essendo principiante parte da un livello completamente diverso”.

Ma non è finita qui. Proseguendo infatti Arisa ha anche parlato di Wax, che a oggi è l’unico allievo che le è rimasto ad Amici 22. In merito al giovane cantante la professoressa del talent show ha affermato:

“Rispetto a Federica è più determinato, tira fuori tutto quello che ha per farsi avanti. In realtà è umile…non per niente quando è venuto Dardust, il produttore, ha scelto Wax e Federica: sono due ragazzi d’oro! Sono stata molto fortunata questa stagione”.

Infine Arisa ha anche rivelato se è rimasta in contatto con gli allievi che in questi anni ha seguito ad Amici, e in merito ha dichiarato:

“Non sono una persona dai rapporti duraturi. Se i ragazzi hanno bisogno di me per cose concrete e utili ci sono. Ognuno deve fare il proprio percorso in modo autonomo: io per prima faccio così”.