Amici 23, dopo l'eliminazione per Simone proposta per un'audizione

NEWS

Il sogno di Simone continua! Dopo l’eliminazione da Amici arriva la proposta per un’audizione

Debora Parigi | 5 Febbraio 2024

Amici 23

Dopo essere stato eliminato da Amici 23, per Simone è arrivata la proposta per un’audizione da parte di un noto coreografo

Nella puntata di domenica di Amici 23 Simone è stato eliminato dal suo professore Emanuel Lo. Il momento è stato difficile e commovente. Ma una volta in casetta per il ballerino è arrivata subito una proposta da parte di un coreografo per un’audizione.

La proposta per Simone dopo l’eliminazione da Amici 23

Ieri, domenica 4 febbraio, abbiamo visto nella puntata di Amici 23 l’eliminazione di Simone. Il ballerino è stato mandato via dal suo insegnante Emanuel Lo il quale sta facendo delle valutazioni riguardo il Serale. Il professore sta decidendo infatti chi portare al Serale tra i suoi allievi. E proprio ieri ha fatto la sua prima scelta eliminando Simone.

Nel daytime di oggi del talent il ballerino ha avuto modo di salutare a dovere tutti i suoi compagni di classe. Sono quindi andati poi tutti in casetta con lui che ha preparato i bagagli e gli altri che lo aiutavano e si dimostravano frasi di affetto. In questa situazione in casetta è arrivata una telefonata proprio per il ballerino.

Il coreografo Adriano Bolognino, il quale ha tenuto tempo fa nella scuola di Amici 23 una masterclass con gli allievi e si era molto comlplimentato con Simone, ha chiamato la redazione. Ha quindi voluto parlare con l’ex allievo di Emanuel Lo facendogli nuovamente i suoi complimenti. E proprio perché aveva visto grandi doti in lui, gli ha proposto, se avesse voluto, di fare un’audizione privata per uno dei suoi progetti futuri. Così da capire se possa essere adatto proprio di uno dei lavori del coreografo.

Per Simone questa è una bella opportunità e anche i suoi compagni lo hanno incoraggiato per questa proposta. Prima di andarsene il ballerino ha anche lasciato una lettera per gli altri allievi piena di parole di affetto: “Che dire? È stata l’esperienza più bella e impegnativa che mi potesse capitare. E non parlo del programma stavolta, ma di vivere con 20 scapocciati nella stessa casa, con lo stesso percorso, con lo stesso obiettivo. E vi ringrazio di tutto. Vivere con dei ragazzi che vogliono fare arte nella vita è la cosa più stimolante del mondo“.