Gualdi Novella 2000 n. 5 2021

Belle da Vicino di Alessandro Gualdi: come non far invecchiare le mani

Le mani sono una delle parti del corpo femminile più belle e seduttive, ma come fare a non invecchiarle? Ce lo svela il dottor Alessandro Gualdi.

Madonna ha passato anni a nascondere le sue mani dentro guanti. Una scelta di stile? Non è detto, e comunque non solo: i ben informati dall’America hanno raccontato che il guanto tattico era utile per nascondere una parte del suo corpo che proprio non le piaceva.

Estenuanti sedute in palestra e cura maniacale del fisico non riuscivano a mascherare l’invecchiamento delle mani, che rivelavano senza pietà i suoi sessanta e passa, in contrasto con un volto e un corpo da quarantenne in forma.

Ha finalmente tolto i guanti solo dopo aver trovato un professionista che ha saputo prendersi cura delle sue mani, uniformando il loro aspetto al resto del fisico.

Diversamente da quanto qualcuno può pensare, infatti, anche le mani possono essere curate e ringiovanite con la medicina estetica. Meglio non trascurarle, specialmente dopo aver ringiovanito viso e décolleté, altre parti in vista, per evitare di creare un disequilibrio.

Sempre in prima linea

La pelle delle mani, con quella del viso, è la più esposta agli agenti esterni, ed è anche meno resistente della faccia.

Sole, freddo, ma anche continue sollecitazioni dovute all’attività lavorativa, lavaggi con saponi aggressivi (per non parlare dei gel disinfettanti ora…): non risparmiamo niente alle mani.

Si può prevenire e rallentare l’invecchiamento avendone cura, proteggendole con guanti e creme solari, nutrendole con prodotti idratanti… Ma gli anni che passano sono impossibili da fermare.

Con il tempo, inevitabilmente, si assottiglia lo strato di grasso sottocutaneo, quello che dà tonicità alla pelle. Si creano macchie sulla cute, si formano accumuli adiposi inestetici. Il risultato? All’improvviso ci si guarda le mani e le si vede molto magre e rugose, con la struttura scheletrica e le vene bene in vista.

Proprio quello che ha spinto madame Ciccone a coprirle.

Acido ialuronico o biorivitalizzanti?

Per trovare la soluzione, fondamentale è capire il problema. Con gli anni la pelle decade di qualità, diventa anelastica e si assottiglia. L’intervento più efficace è dato dalle iniezioni di acido ialuronico. Immediatamente, la mano riacquista tono, ringiovanisce a vista d’occhio come fosse un palloncino che si rigonfia.

È sufficiente un trattamento all’anno, circa, ma c’è un però: le mani serve parecchio acido ialuronico, il che rende la cosa un po’ costosa.

Più abbordabili sono i trattamenti con biorivitalizzanti, che danno ugualmente volume e idratazione profonda alla pelle. Richiedono però richiami più frequenti, diciamo un paio di volte all’anno.

Il laser toglie le macchie

Infine c’è il laser. Se usato con capacità è uno dei trattamenti più efficaci per la cura della pelle.

Sulle mani, nello specifico, è ottimale per eliminare le macchie cutanee da invecchiamento o i capillari che si fanno vedere (tecnicamente si chiamano teleangectasie).

Il laser, calibrandolo secondo le esigenze, “ripulisce” la pelle dagli inestetismi e contemporaneamente regala un nuovo spessore e una maggiore elasticità. In pratica, riporta indietro la lancetta del tempo di diversi anni. E i guanti tornano a essere un modo per proteggere le mani, e non per nasconderle.

Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare