Chef Rubio licenziato da Discovery? Parla lui e svela la verità

2A seguito del gossip sul licenziamento da Discovery, Chef Rubio svela la sua verità

Con una serie di Instagram Stories, per fare chiarezza sul licenziamento da Discovery, Chef Rubio ha svelato la sua verità, affermando:

“I motivi per cui ho deciso di interrompere Camionisti in trattoria sono molteplici e non starò qui a motivarli, visto che di certe cose si parla (e si è già parlato) nelle apposite sedi. Di certo, posso dirvi che è stata l’unica cosa giusta da fare. E per correttezza nei vostri confronti che sempre mi sostenete con fiducia, e per coerenza nei confronti del percorso professionale e di vita che sto facendo. Vi basti sapere però che non avevo più la serenità, le motivazioni e l’energia per continuare a girare qualcosa in cui sentivo di aver già dato tutto. Continuare a girare per gli ascolti non è mai stata e mai sarà una mia peculiarità e farlo per inerzia mi avrebbe reso infelice e ancora più nervoso di quanto già non fossi alla fine della terza stagione”

A quel punto Chef Rubio ha anche lanciato una palese frecciatina a Dominique Antognoni, esclamando:

“Chiudo dedicando un pensiero ai bifolchi e alle caciottare che scrivono di me. Da sei anni a questa parte mi hanno proposto le conduzioni di quasi tutti i programmi televisivi che conoscete e se non mi ci avete mai visto e mai mi ci vedrete è solo perché nel nome della coerenza so dire “no grazie”. Queste scelte mi hanno fatto rinunciare a una fracca di soldi che sinceramente mi avrebbero pure fatto comodo ma al contrario vostro mi posso guardare ogni giorno allo specchio senza sputarmi in faccia , quindi quando parlate di me o vi informate meglio oppure tacete. Ah quando non mi vedrete più in tv sarà solo perché non ho voluto io e non il vostro Dio”

Confermato dunque che Chef Rubio, in accordo con Discovery, non farà parte della quarta stagione di Camionisti in trattoria. Noi facciamo un grande in bocca al lupo all’ex rugbista, e ci auguriamo di ritrovarlo presto in tv.

Novella 2000 © riproduzione riservata.