Famosi a colpi di insulti: le coppie di famosi unite non dall’amore ma dai litigi

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

L’ odio poté più dell’amor. Questo vien da pensare a guardare certi Vip specializzati nell’arte della polemica. A furia di liti, invidie e gelosie (vere o televisive, vallo a capire) ingrassano la loro fama, giustifi cano il loro essere Vip e riescono a rimanere in onda. Nulla di strano, lo diceva anche Dante nella Divina Commedia: «Più del dolor poté il digiuno». Si riferiva a Conte Ugolino, signorotto di Pisa, lui ghibellino, parteggiò per i guelfi , per questo tradimento fu chiuso nella torre della Muda coi suoi due fi gli. Qui morì non per “nobile” dolore, ma per un bisogno terreno, “basso basso” ed essenziale: la fame (per inciso, il Conte si chiamava Ugolino della Gherardesca, avo del giornalista Costantino della Gherardesca). Anche De Andrè lo diceva: «Più dell’onor poté il digiuno», in questo caso il digiuno è sessuale, quello di Carlo Martello che, tornato dalla guerra, inciampò in una bella pulzella. Finì che Carlo Martello si saziò. Insomma, come la giri e la volti, che sia il 1.400, il 1960 o il Duemila, il concetto non cambia: gli istinti terreni possono più delle virtù. Il digiuno più del dolore o dell’onore, l’odio più dell’amore. Esempi del moderno «Ti odio dunque sono»? Il più recente: Serena Grandi vs Corinne Clery. Si detestano da quasi un quarto di secolo. Oggetto del contendere, indovinate? Un uomo: Beppe Ercole, marito della Grandi tra l’87 e ’93, poi sposo della Clery dal 2004 al 2010, quando lei è rimasta vedova (oggi è legata ad Angelo Costabile, che coi suoi 27 anni è toy boy per anagrafe). Nei loro litigi è entrato pure Edoardo, fi glio che la Grandi ha avuto con Ercole, che alla Clery ha rinfacciato di tutto, anche di averlo allontanato dal padre e pure dalle sue ceneri. La miccia tra primedonne è esplosa al Grande fratello Vip: la Grandi è uscita dalla Casa, Clery è entrata. Tante ne ha dette sulla Grandi che quest’ultima ha voluto un faccia a faccia. E son state appunto scintille. Anche di share. «Sei pazza», è sbottata Clery. «Tu ’na poraccia», ha replicato la Grandi,«spero che non ti infi li più nel mio letto». «Serena sei invidiosa». Infi ne il tocco da maestra della Grandi: «Macché invidiosa, sei tu che ti sei rifatta le tette come le mie». Dopo tutto ciò, fuori dalla Casa, uno s’aspetta che le due si azzuffi no. Invece no: da Barbara d’Urso a Domenica Live, Clery e Grandi hanno fatto pace. Sì, pace. Edoardo a sorpresa alla Clery ha detto: «Dobbiamo chiarire. Tu e mamma siete orgogliose. Spero che questo finisca, papà sarebbe contento». Clery: «Tuo padre ti adorava, non vi siete capiti». Grandi: «Ora la riabbraccerei. Ti voglio bene, Corinne». Abbraccio è stato, davanti agli occhi increduli dei telespettatori. Pace vera? Certo è che le due saranno presto a teatro insieme. La vita va così: tanto si son fatte la guerra, che sono ancora in scena.

L’articolo completo sull’ultimo numero di Novella2000 in edicola dal 30 novembre!

Nessun Articolo da visualizzare