Francesca De André picchiata a sangue dal suo ex fidanzato

Francesca De André picchiata dall’ex fidanzato: “Sono viva per miracolo”

È agghiacciante quello che è successo a Francesca De André. L'ex gieffina è stata vittima di violenza fisica da parte dell'ex fidanzato.

1La violenza subita da Francesca De André

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Un po’ di tempo fa Francesca De André aveva raccontato in alcune storie sul suo profilo Instagram di aver subito un’aggressione, ma non era scesa nei particolari. A distanza di alcune settimane, oggi è uscita un’intervista all’ex gieffina da parte del magazine Chi. E lei ha raccontato nel dettaglio cosa le è successo: ha subito una brutale violenza fisica dall’ex fidanzato finendo in ospedale e salvandosi per miracolo.

Francesca, che da quel che dice si era trasferita da lui, ha raccontato di come le violenze siano iniziate da subito. Ma non ha mai denunciato perché, avendo lui altre presunte grane con la giustizia, non voleva finisse in galera. Pensava insomma di salvarlo, ma non capiva di essere in una relazione tossica.

“Subito sono iniziate le botte. Ogni oggetto a portata di mano, delle sue mani, era utile per colpirmi. Io dentro di me dicevo a me stessa ‘Va bene così, si calmerà, forse lo posso salvare o aiutare in questo modo’, subendo. Annullavo me stessa mentre ero sottoposta ad ogni tipo di umiliazione, che avveniva sempre in due fasi: la prima a parole, la seconda fisica. Ma io lo amavo. A volte riuscivo a fermarlo usando il cellulare per riprendere tutto e minacciando di denunciarlo. Ma le volte in cui ho vinto io sono state rare. Ho quasi sempre perso. Non lo denunciavo perché aveva altre denunce, pensavo proprio io lo devo mandare dentro? Io lo volevo salvare, cercavo disperatamente il suo lato positivo e volevo valorizzarlo”.

Ma quello che è successo l’ultima volta l’ha spinta a denunciare. Ciò che ha raccontato a Gabriele Parpiglia è davvero agghiacciante: “Ero a terra. Il sangue usciva da ogni parte del mio corpo, dalla mia testa piena di buchi, dalle mie labbra. Urlavo ‘Basta, basta, fermati’. Ricordo una serie di calci in testa uno dopo l’altro, poi il vuoto”.

Ad aiutarla è stata una vicina che l’ha soccorsa e portata all’ospedale. Mentre l’aggressore ha cercato di scappare. Ecco cosa è successo…

Indietro

Nessun Articolo da visualizzare