Italfarmacia Novella 2000 n. 20 2021

Italfarmacia: lotta dura al grasso addominale e ai suoi rischi

Come aggredire il grasso addominale e scongiurarne i rischi conseguenti con i prodotti del brand Italfarmacia, da Amin 21 K a Biocult Strong

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Misuriamo il nostro girovita con un metro da sarta. È un gesto semplice ma importante, perché il risultato ci indicherà quanto grasso abbiamo accumulato sui visceri e, di conseguenza, se siamo a rischio di sindrome metabolica.

Nelle donne non deve superare gli 80 centimetri, negli uomini i 94 centimetri. Se i nostri valori sono superiori, bisogna correre ai ripari! La pancetta è un indicatore facilmente visibile di quel mix di fattori di rischio costituito dalla sindrome metabolica. Condizione complessa, che coinvolge più parametri metabolici: valori di glicemia, trigliceridi, pressione alta, colesterolo Hdl troppo basso.

Il tessuto adiposo che si deposita attorno al fegato, pancreas e intestino produce sostanze pro-infiammatorie che a loro volta richiamano cellule infiammatorie. Il risultato: un’infiammazione di basso grado ma cronica, che influisce negativamente sui vasi sanguigni e sul pancreas. Con maggiore rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Non solo, la sindrome metabolica si associa a una maggiore probabilità di infarti, ictus, fegato grasso, alcuni tipi di tumore.

Pericoli del grasso addominale

È esperienza comune che il grasso addominale tende ad accumularsi con gli anni, e nelle donne accompagna
spesso la menopausa, quando scarseggiano gli estrogeni.

Pesarsi non è sufficiente perché l’indice di massa corporea (il peso in chili diviso per il quadrato dell’altezza in metri) non ci dà indicazioni su dove il grasso è depositato.

Rimedi per tutto questo? Stile di vita sano, dieta corretta e adeguata attività fisica. Sappiamo, però, che smaltire il grasso viscerale è molto difficile sempre e ancor più con l’avanzare dell’età. Bisogna arrendersi? Assolutamente no!

Come “aggredire” il grasso addominale

La Liposuzione Alimentare con Amin 21 K consente infatti di “aggredire” non solo il grasso sottocutaneo, ma anche il grasso addominale, con riduzione dei livelli di infiammazione e dei rischi conseguenti.

Non è una dieta, perché deve essere seguita sotto controllo medico massimo per tre settimane, e se necessario può essere ripetuta. È un trattamento normoproteico, in quanto le proteine assunte corrispondono a quelle che dovrebbero essere introdotte in relazione al peso anche in un’alimentazione equilibrata.

L’integratore appositamente formulato Amin 21 K permette che si sviluppi il processo della chetosi, per cui il nostro organismo si alimenta bruciando i grassi in eccesso. La conseguenza positiva è che la sensazione di fame scompare dopo circa 48 ore. La figura si rimodella, ma viene attaccata solo la “massa grassa” e mantenuta, e a seconda del caso rafforzata, la “massa magra”.

La breve durata dei trattamenti proposti, l’azione della chetosi e il supporto del medico specialista garantiscono un dimagrimento rapido, sano e sicuro e naturale.

Decine di migliaia di casi studiati dimostrano che, con un trattamento, si può “perdere” in media tra il 7 e il 10% del peso iniziale.

Per il sistema immunitario

Gli studi più recenti evidenziano l’importanza del microbiota anche rispetto alla sindrome metabolica. Perché, alcune specie di batteri, producono composti con attività antinfiammatoria o antiossidante e vitamine. Altre invece sintetizzano sostanze nocive all’organismo che peggiorano l’attività immunitaria e i livelli di infiammazione, oltre ad alterare i processi metabolici.

Teniamo conto che i due terzi delle cellule del sistema immunitario si trovano nell’intestino, e come già detto il microbiota ha un ruolo fondamentale nello sviluppo di un sistema immunitario forte e bilanciato. Inoltre, influenza il mantenimento del peso al di sotto dell’obesità.

Biocult Strong è un integratore innovativo di 120 miliardi di probiotici. Contiene 8 ceppi batterici (probiotici) scelti tra quelli che sappiamo essere più frequenti nel microbiota di persone sane, per affrontare le insidie che nuocciono al nostro organismo. Un ulteriore vantaggio: si conserva a temperatura ambiente, senza alterazioni dei lactobacilli.

Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare