La speciale dedica di Manuel Locatelli dopo i goal contro la Svizzera

Euro 2020: Manuel Locatelli festeggia la doppietta con una dedica speciale. Ecco il significato dell'esultanza contro la Svizzera

1La dedica di Manuel Locatelli

Manuel Locatelli- la speciale dedica dopo i goal contro la Svizzera
Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Partito dai campetti della provincia di Lecco, Manuel Locatelli mai avrebbe potuto immaginare quel che sarebbe successo la sera del 16 giugno 2021. Il calciatore è nato nelle giovanili dell’Atalanta, cresciuto nel Milan, per passare al Sassuolo, dove ha trovato la sua dimensione. Poi la chiamata di Roberto Mancini per gli Europei. Manuel sta vivendo un sogno.

Qualcuno però si è chiesto anche il perché di quell’esultanza ieri sera durante la partita contro la Svizzera, vinta 3-0 dagli Azzurri, grazie proprio a Manuel e Ciro Immobile. Locatelli infatti ha festeggiato formando una T con le dita. A spiegarne il significato è stato lo stesso giocatore, che di recente ha voluto dire cosa si cela dietro questo gesto. Ecco quanto raccolto da Fanpage.it:

“L’esultanza? La T di Thessa, la mia compagna, e di Teddy, il mio cagnolino che non c’è più”.

Ha raccontato Manuel Locatelli. La sua fidanzata Thessa Lacovich, che l’ha seguito con grande tifo, ha festeggiato questo bel traguardo sui social: “Senza parole. È successo davvero?” ha scritto la giovane emozionata.

Ieri il 23enne centrocampista azzurro ha realizzato una fantastica doppietta nella partita contro la Svizzera, la terza realizzazione in carriera per lui in Nazionale. Goal di pregevole fattura che l’hanno portato ad essere il giocatore più giovane (almeno fino a questo momento) a segnare un goal ad Euro 2020. Nella classifica italiana, invece, è il terzo a firmare una doppietta, meglio di lui solo Mario Balotelli nel 2012 (contro la Germania) e nel 1996 il grande Pierluigi Casiraghi contro la Russia.

Davvero niente male per Manuel Locatelli, che dopo la partita ha ritirato il premio di man of the match e ha parlato ai microfoni dei media…

Indietro