Naike Rivelli

Naike Rivelli interviene dopo il nostro servizio che non le è piaciuto

Due settimane fa ho pubblicato un servizio su Novella 2000 che vedeva per le strade di Roma a pochi metri dal fotografo di Novella 2000 Naike Rivelli.

Una ragazza che conosco da quando è nata, con la madre Ornella Muti, splendida come sempre come la figlia.

Nelle foto Naike Rivelli, che è considerata una new artist del web con le sue “elaborazioni fotografiche su Instagram”, era piuttosto provocatoria con la sua amica. Mamma Ornella sembrava più che divertita, come la stessa Naike. 

Ho deciso così di pubblicare quelle foto. Prima l’ho fatta chiamare dal nostro “confessore”, Don Mauro Leonardi, per un’intervista, ma Naike Rivelli ha preferito non rilasciarla.

Così è uscito il servizio, con il testo scritto da una nostra validissima e informatissima collaboratrice.

Una volta uscito il servizio Naike s’è infuriata di brutto, tanto che Alessia Sodano, autore di Storie Italiane e di Sabato Italiano, mi ha girato un instagram di Naike che sembrava sottolineare il suo più che totale risentimento.

E, riferendosi a me ha parlato delle “tue calunnie”.

Senza troppo tergiversare, e Naike lo sa, l’ho chiamata immediatamente, perché anche se Novella 2000 è la bibbia del gossip, un giornale di evasione, certo.

Ma è anche un giornale corretto, che non vuole, certo far del male al prossimo e men che meno pubblicare calunnie, che è un reato.

Io non sono un mitomane, ma, scusate l’arroganza, se può apparire tale, spero di non aver deluso chi mi ama, so di essere una persona per bene. Per cui, se ho sbagliato, sono il primo a chiedere scusa, senza dover essere sollecitato.

Per quanto riguarda il servizio con Naike mi sembrava di essere stato più che attento al rispetto di tutti (lei e sua madre sorridevano, guardavano in camera, e non ho voluto appositamente che si vedesse il volto della loro amica perché anche se le foto erano curiose potevano metterla a disagio).

Naike Rivelli spiega come stanno le cose

Ed eccomi con Naike, che, come detto, conosco fin dai suoi primi anni di vita, poi era fidanzata con un mio amico ed è figlia di Francesca Rivelli, l’Ornella Muti che tutto il mondo ci ammira. 

Allora Naike, che cosa volevi sotto- lineare che non ti è andato?
«La signora fotografata con me e mia madre è la moglie del ragioniere di mamma, durante quelle foto, poco lontano c’era anche lui, suo marito». 

Be’ non potevo saperlo, non era ripreso.
«Certo, però lei in un certo modo non c’entrava nulla in quelle foto, io ho giocato a provarci, provocatoria come sempre, e ho cercato giocosamente di baciarla». 

Solo un gioco, niente di più. 

«Una provocazione». 

Ma tu ora sei fidanzata? 

«Da quando è finita la mia storia con Yari Carrisi, il figlio di Albano, due anni fa, sono single, se ci fosse qualcosa di nuovo sarei la prima informare la mamma e tutti i miei amici attraverso il mio Instagram». 

Tu ci hai abituati alle tue provocazioni, perché hai voluto fare questa precisazione?
«Per non passare per una pazza». 

Tu pazza non sei di certo, folle sicuramente. Lucio Presta, il grande agente parlando di te dice che sei un «genio». 

«Ringrazialo». 

Ma se tu dovessi scrivere la tua professione sulla carta d’identà che cosa scriveresti?
«Libera artista». 

Sei anche mamma di Akash, 22 anni, bello come il sole.
«Lui ora lavora, come grafico di Internet, e quando ho un problema sui miei profili social chiedo sempre aiuto a lui: le generazioni nate digitali hanno una marcia in più». 

-di Roberto Alessi

Novella 2000 © riproduzione riservata.