Fedez Fiorello Scena Unita

Scena Unita: the show must go on. Il plauso di Novella all’iniziativa

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Scena Unita è l’ultima iniziativa voluta fra gli altri da Fedez, Fiorello e tanti altri artisti, brand ed enti che sosterranno i lavoratori dello spettacolo.

La notizia è di qualche giorno fa, ma i progressi continuano e il plauso – anche di Novella 2000 – verso questa iniziativa a sostegno dei lavoratori del mondo dello spettacolo, era dovuto. Fedez, in collaborazione con Fiorello e tanti altri artisti della nostra musica e della nostra TV, hanno lanciato Scena Unita. Si tratta di un fondo, gestito dall’organizzazione umanitaria Cesvi e istituito a favore di tutte le maestranze impossibilitate a passare alla fase di smart working e rimaste dunque senza lavoro per via dei protocolli anti-Covid.

La pandemia ha rivoluzionato dall’alto al basso il settore dell’intrattenimento, colpendo primariamente la musica e lo spettacolo dal vivo. Ciò ha voluto dire sacrificare, per così dire, la gran parte dei professionisti abituati a brulicare dietro le quinte.

Scena Unita Fedez Fiorello Novella 2000 n. 48 2020
(c) Novella 2000 n. 48 – 18 Novembre 2020

Settanta fra membri dello spettacolo e partner, dunque, hanno pensato di aprire un fondo che verrà messo a disposizione di categorie come i macchinisti, assistenti e così via.

Le dichiarazioni di Fedez: “Tutti i firmatari hanno donato qualcosa”

“Aveva senso che ci si spendessimo in prima persona. Tutti gli artisti che partecipano non prestano solo la loro immagine, ma hanno donato, ha detto Fedez. Il compagno di Chiara Ferragni (anch’essa parte del progetto) ha definito inoltre “doveroso vedere gli artisti uscire dalle proprie torri d’avorio, donando in prima persona”.

La lunga lista degli aderenti a Scena Unita comprende da Gianni Morandi a Gianna Nannini, da Achille Lauro a Manuel Agnelli. E ancora, Calcutta, Shade, Carlo Verdone, Claudio Baglioni, Emma Marrone e tantissimi altri. Tra i grandi nomi ad aver donato c’è stato anche Amazon Prime Video, che ha versato 1 milione di euro. Mentre Banca Intesa, per fare un altro esempio, ha potuto donare 250 mila euro.

Iniziative come queste riempiono di speranza verso il futuro, che dovrà necessariamente restituirci la normalità. Senza contare che, specie sotto le feste, scaldano il cuore e distolgono per un attimo dal pensiero che mai come quest’anno sarà per tanti un Natale differente.

Novella 2000 © riproduzione riservata.