Valleverde Novella 2000 n. 18 2021

Valleverde: il marchio simbolo delle calzature all’italiana rinato con successo

Le calzature Valleverde continuano a distinguersi per attenzione alle ultime tendenze e alle tecnologie, nel successo di un brand amatissimo

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Nel 2020 Valleverde ha festeggiato il suo 50° anniversario. Un grande traguardo per un marchio che è un simbolo della calzatura italiana, lanciato insieme a testimonial come Carla Fracci, Raffaella Carrà, Kevin Costner, Pelè e i piloti Ferrari, raggiungendo tassi di notorietà altissimi.

Un brand che ha toccato l’apice e poi il fondo, ed è rinato ancora più forte grazie all’intraprendenza di una nuova proprietà, la Silver1.

A guidare l’azienda oggi è Elvio Silvagni. Valleverde è rientrato nel mercato attraverso una nuova visione, un nuovo progetto, una nuova identità, fedele ai principi storici ma proiettato al futuro.

Il 2020 segna definitivamente un passaggio generazionale tra ciò che è stato e che è impresso nella memoria di milioni di Italiani, e ciò che sarà. Una storia di passione e di creatività italiana. Un percorso di crescita e di successi in cui Valleverde è diventato un punto di riferimento. Un cammino verso una nuova era, moderna e attuale, dove il brand saprà posizionarsi ancora una volta tra i big del settore con il proprio stile e la propria personalità.

La storia di Valleverde

L’azienda Valleverde nasce nel 1970 a Coriano, fra Rimini e Riccione. Il fondatore e presidente fu il dottor Armando Arcangeli, sua l’intuizione di unire la comodità alla moda.

Fondamentale fu l’inserimento del soffice plantare all’interno della calzatura.

Quarant’anni fa il plantare era un componente ancora poco conosciuto, quindi il fatto di proporlo per primi ha portato a successi immediati.

Il prodotto aveva una sua connotazione forte. Mancava l’affermazione del marchio nelle grandi masse. Cominciò quindi, a fine anni Settanta, una decisa azione di marketing che portò il marchio Valleverde a essere sinonimo di “Moda Comoda”.

Grazie anche ai testimonial popolarissimi, Valleverde raggiunse tassi di notorietà superiori al 90% (tuttora il brand è nella mente della maggior parte dei consumatori).

Nel giugno 2015 il gruppo Silver1 dell’imprenditore romagnolo Elvio Silvagni acquista l’azienda, e da lì inizia una forte fase di rinnovamento e di crescita.

La nuova gestione

Dopo cinque anni dall’acquisizione, i risultati sono eclatanti. Dopo che la Silver1 ha acquisito il brand Valleverde, lo sviluppo è stato continuo e consistente.

Fatturato di 1,5 milioni di euro nel 2015, 10 milioni nel 2016, 13,5 milioni nel 2017, 16 milioni nel 2018, 18 milioni nel 2019. Sono 1.100 i clienti per un volume annuo di 600.000 paia di calzature prodotte.

Circa il 90% del giro d’affari Valleverde è generato in Italia, ma il marchio punta sempre di più sull’internazionalizzazione, con una espansione sia in Europa sia nei mercati extra UE.

Il grande rilancio si è basato su un sensibile processo di rinnovamento sia a livello stilistico sia concettuale: accanto alla tradizione troviamo l’attualità; al fianco dello stile classico si impongono i nuovi trend; al know how, all’esperienza e all’artigianalità si integrano nuovi processi produttivi e nuove tecnologie, per dar vita a prodotti originali e all’avanguardia.

Occhi puntati sulle nuove tendenze moda: colori, forme, materiali, accessori e applicazioni. Tutto viene scelto e studiato con un’attenzione certosina, per trasferire al consumatore un’immagine completamente nuova.

Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare