Vittorio Brumotti: Con Striscia abbiamo superato il confine

“Ho passato la linea, quella linea che mi avevano raccomandato di non passare”. Così ha detto ieri Vittorio Brumotti, inviato di Striscia la notizia, a Campobasso per partecipare a un evento in un centro commerciale. Commentando i pericoli e i rischi che corre insieme alla sua troupe nelle varie inchieste del Tg satirico di Canale 5, Brumotti non ha fatto alcun riferimento all’episodio di sabato a Roma, quando nel corso di un servizio sul fenomeno dello spaccio di droga, sono stati esplosi due colpi di pistola, un cameraman è stato ferito dal lancio di un mattone e lui minacciato di morte. L’inviato ha detto di avere una certezza: “Sono orgoglioso di averlo fatto, oggi tanta gente è venuta a farmi segnalazioni e non il solito selfie. A Striscia la notizia ascoltiamo la gente che ha bisogno di noi e delle forze dell’ordine, ha bisogno di cacciare l’eccesso e l’omertà”. Brumotti e la sua troupe erano stati vittime anche di due aggressioni nel parco della Montagnola di Bologna, il 15 e il 29 novembre scorsi.

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Nessun Articolo da visualizzare