Aida Nizar

Aida Nizar accusa un malore nella notte dopo la puntata del GF15

Aida Nizar e il malore nella notte

Aida Nizar si è sentita male. Dopo una puntata carica di forti emozioni, forse troppe da gestire, la spagnola ha avuto un malore. Nella notte è corsa in bagno a vomitare e lì si è chiusa per qualche tempo. Non è la prima volta che succede una cosa del genere, come Aida ha già spiegato in puntata ciò è dovuto anche a un’operazione subita mesi fa. Questa sua condizione fisica, unita alle tensioni della settimana, ha causato il malessere. Non deve essere giovato sicuramente il provvedimento preso dal Grande Fratello nei suoi confronti. La Nizar infatti, subito dopo la diretta, si è isolata dal gruppo e ha iniziato a piangere per via del trattamento ricevuto. Per quanto eccessiva, secondo lei, altri hanno commesso cose più gravi e ciò nonostante sono rimasti impuniti.

Aida Nizar: come sta adesso

La prima ad accorgersi della condizione di Aida è stata Veronica, che ha bussato alla porta del bagno per dare aiuto alla donna. Quest’ultima ha rifiutato dichiarando di voler restare sola. La Satti ha perciò chiamato Alberto e Simone, i quali sono riusciti a fare breccia nelle intenzioni della Nizar. Solo sentendo la voce dei due lei ha accettato di aprire la porta e di farsi aiutare. Ma come sta ora?

Seguendo la diretta si può vedere che Aida si è ripresa e il malore è stato momentaneo, tuttavia il suo percorso si fa sempre più duro. Dopo la terza puntata l’iberica ha anche pensato di ritirarsi, poiché stufa della situazione che sta vivendo. D’altro canto Barbara d’Urso ha chiesto ai ragazzi di comportarsi in maniera placida e smetterla con questi episodi indecorosi. Come andranno a finire le cose? Aida deciderà di rimanere oppure lascerà il reality? Non ci resta che vedere cosa succederà in settimana e se il clima si farà più disteso.

GF 15: ecco cosa è accaduto durante la seconda settimana tra liti, violenza, ed atti di bullismo

Approfittane per accaparrarti Disney+scontato con il nostro link
Novella 2000 © riproduzione riservata.