Il Silenzio dell'Acqua Ambra Angiolini Luisa Ferrari

Ambra Angiolini sul set di Il Silenzio dell’Acqua: ‘Abbiamo litigato tanto’

Ambra Angiolini sul personaggio di Luisa Ferrari in Il Silenzio dell’Acqua. Esperienza cercata a lungo: “All’inizio non erano sicuri di me”.

Ambra Angiolini è la protagonista femminile della nuova fiction Il Silenzio dell’Acqua, in partenza stasera su Canale 5. L’eterna ragazza di Non è la Rai darà il volto al personaggio di Luisa Ferrari, un’ispettrice della squadra omicidi tanto scostante quanto fragile. Nel tentativo di scoprire l’omicida di una giovane ragazza della periferia triestina, Laura Mancini, ne sapremo di più anche sulla vita della poliziotta. Un doloroso passato continua a tormentarla dopo molti anni, e la storia sulla quale sta lavorando la costringe a fare i conti con i propri demoni.

Durante la conferenza stampa di Il Silenzio dell’Acqua, Ambra Angiolini ha invece dovuto affrontare il fatto d’essere alla sua prima serie TV. Nella lunga carriera, in cui è stata da starlette a showgirl, da conduttrice ad attrice, non era ancora mai approdata in una fiction. O meglio non da protagonista, e non di recente.

“Avevo fatto una piccolissima parte in una fiction con la Gardini, ha ricordato ai giornalisti, “ma se la sono dimenticata tutti. Io volevo fare le serie. Io sono una malata di serie! Quando ho ottenuto la parte – e io di cose ne ho fatte nella mia carriera – ero molto felice. Ho ottenuto questa parte nel modo corretto, facendo la giusta trafila”.

D’altronde la Angiolini aveva già rivelato il settembre scorso al Corriere:

“Ho fatto provini per tutte le fiction, non mi vergogno a dirlo. Soprattutto per quelle della Rai. Mi sono proposta ogni volta. È stato sempre un fallimento totale.

Ma ora conferma che qualcuno ha finalmente deciso di ricredersi.

“Ho ricevuto un sacco di porte sbattute in faccia. Finalmente poi ci sono cascati! All’inizio, loro non erano molto sicuri. Sono un personaggio molto pop. Però, poi loro hanno deciso di buttarsi”.

Con la sua presenza nel ruolo di Luisa Ferrari nella fiction Il Silenzio dell’Acqua, però, Ambra Angiolini ha realizzato quel che fino a qualche tempo fa rischiava di rimanere solo un sogno. Ma come si è compiuto il tanto agognato idillio?

Ambra Angiolini è Luisa Ferrari in Il Silenzio dell’Acqua

Scritturata per la parte di Luisa Ferrari, la fredda e talvolta cinica ispettrice che in Il Silenzio dell’Acqua cercherà di risolvere il mistero della morte di Laura, Ambra Angiolini ha lavorato con entusiasmo sul personaggio.

“Abbiamo lavorato sul pathos,” ha spiegato in conferenza stampa, “abbiamo deciso di non mostrarlo troppo… Sono davvero orgogliosa di aver insistito così tanto per fare questa serie”.

“È stata un’esperienza positiva, ha dichiarato invece a Sorrisi facendo un bilancio globale. “Alcuni attori erano agli esordi, e mi sono rivista nei loro sguardi persi…”.

Ma lo smarrimento era solo un’impressione. In video, infatti, la si vede perfettamente a suo agio sia nei panni di una burbera piena di arroganza sia nell’interazione con il collega Giorgio Pasotti. Questo non solo perché dopo aver saputo di recitare al fianco di un tale professionista ha riferito di essersi preparata ancora di più. Ma anche perché per entrare nelle vesti di Luisa le è “bastato” capovolgere completamente se stessa.

https://www.instagram.com/p/BuuF3zQAq6-/
Uno sguardo a Luisa Ferrari di Il Silenzio dell’Acqua

Ambra si definisce infatti empatica, solare, affabile e mai distaccata. La sua Luisa Ferrari, invece, è esattamente agli antipodi. Ma interpretarla è stato emozionante, fonte di entusiasmo per il lavoro, malgrado ammetta di faticare a intravedere una continuazione del personaggio. Questo vuol dire che Il Silenzio dell’Acqua non avrà una seconda stagione, oppure che se fosse non sarà con Ambra Angiolini?

Be’, senz’altro è ancora presto per dirlo. Meno affrettate sono invece le considerazioni che possiamo fare in merito all’evidente sintonia tra i due protagonisti.

Ambra Angiolini: l’esperienza sul set di Il Silenzio dell’Acqua e il rapporto con Giorgio Pasotti

Ambra Angiolini e Giorgio Pasotti sembrano perfetti per i loro personaggi in Il Silenzio dell’Acqua. E questo nonostante l’atmosfera che si respirava con il reparto tecnico non sia sempre stata così pacifica. In conferenza stampa, il cast ha voluto scherzare sul fare talvolta difficile del regista Pier Belloni, facendo molteplici riferimenti a presunti dissidi. A fin di bene, rassicurano tutti e solo per ragioni creative. A ironizzare più degli altri è stata proprio la Angiolini, che ad un certo punto ha rivelato:

“Abbiamo litigato così tanto con lui (Pier Belloni, ndr) che non c’è stato bisogno di litigare con gli altri. Grazie a Pier, ho detto la prima bestemmia della mia vita. Chi scoprirà l’assassino di Laura, vincerete una giornata con Pier Belloni! Ho ancora i suoi messaggi, bloccatelo!”.

Superando la dimensione dell’ironia, nell’intervista rilasciata a Sorrisi la Angiolini non ha invece mancato di ricordare d’essersi sentita talvolta sola. Accadeva quando, alzandosi presto per andare a correre in spiaggia (memorabili le sue dirette Instagram), non trovava nessuno che l’accompagnasse.

“In quei momenti la solitudine l’ho sentita. Ho trovato più complicità nei triestini che incontravo che nei colleghi. A mangiare erano tutti buoni, poi la mattina ti sentivi orfano come Remì”.

A salvarsi era solo Pasotti, che pur rinunciando anche lui alle levatacce per andare a correre, le è parso una versione al maschile di se stessa. Per questa ragione, Ambra non si è fatta scrupoli nel suggerire di voler tornare a lavorare con lui. E siamo certi che il pubblico si stia già chiedendo quando!

Novella 2000 © riproduzione riservata.