Italfarmacia Novella 2000 n. 14 2021

Italfarmacia: combatti l’obesità e proteggiti dal Coronavirus

L'obesità rende più vulnerabili a forme gravi di Coronavirus: per questo la dieta chetogenica di Italfarmacia potrebbe essere un aiuto.

Il sovrappeso e l’obesità possono provocare stati patologici come ipertensione arteriosa, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, malattie metaboliche (aumento colesterolo e trigliceridi ematici), diabete, osteoporosi, litiasi biliare e steatosi epatica (fegato grasso), oltre che interferire con il buon funzionamento del sistema immunitario. Ma ora c’è un motivo in più per perdere non semplicemente peso, ma grasso. Quello sottocutaneo, e ancor più quello addominale.

I dati che emergono da ricerche internazionali dimostrano che le persone obese sono più esposte ai rischi connessi al Coronavirus. Hanno maggiori probabilità di finire in ospedale, così come aumentano le complicanze. Per gli obesi aumentano anche i rischi di finire in terapia intensiva, e purtroppo anche di morire per il virus.

Il tessuto adiposo sembrerebbe funzionare come un serbatoio del virus. Per risolvere un problema così serio, è bene rivolgersi a professionisti esperti.

Liposuzione Alimentare contro il Covid

Nel corso degli anni il trattamento chetogenico LIPOSUZIONE ALIMENTARE con AMIN 21 K è stato approfondito nei suoi fondamenti scientifici, sperimentato e perfezionato. È un metodo rapido, efficace e sicuro, perché deve essere seguito sotto il controllo di un medico o di un biologo nutrizionista.

Un team di studiosi guidati dal professor Massimiliano Caprio, responsabile dell’Unità di Endocrinologia cardiovascolare dell’IRRCS San Raffaele di Roma, ha condotto una ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Translational Medicine, sul ruolo di una corretta consulenza nutrizionale nell’affrontare l’emergenza Covid 19.

Il Prof. Caprio ha dichiarato: “L’obesità e le sue comorbidità sono strettamente legate alla prognosi più grave del COVID-19. E un aspetto poco considerato nell’affrontare l’emergenza è che una corretta consulenza nutrizionale costituisce una priorità per affrontare la pandemia di COVID-19, al fine di ridurre il rischio di infezione e le relative complicanze.

Le diete chetogeniche possono avere un ruolo importante nella modulazione dell’immunità innata e di quella adattativa, determinando effetti benefici sull’infiammazione cronica di basso grado, potendo prevenire il rischio di tempesta citochinica del COVID-19.

Potrebbero essere protettive durante l’infezione da Sars-COV2 grazie agli effetti antinfiammatori e immunomodulanti dei corpi chetonici. Questo è stato dimostrato in studi preclinici. Per questo motivo, diversi studi clinici sono attualmente in corso, utilizzando diete chetogeniche eucaloriche in pazienti con malattia COVID-19″.

In cosa consiste il trattamento

Il trattamento chetogenico Liposuzione Alimentare è normoproteico, in quanto le proteine assunte corrispondono a quelle che devono essere introdotte in relazione al peso in un’alimentazione equilibrata.

Il protocollo prevede l’utilizzo di un integratore appositamente formulato, AMIN 21 K, affinchè si sviluppi il processo della chetosi. Ossia, il nostro organismo inizia ad alimentarsi bruciando i grassi in eccesso.

In questo modo la nostra figura si rimodella eliminando l’adipe, cioè viene attaccata solo la “massa grassa” mantenendo la “massa magra”.

Con un trattamento, si può “perdere” tra il 7 e il 10% del peso iniziale.

Le diete ci spaventano anche perché le associamo alla fame. Grazie alla chetosi e ad Amin 21 K, la sensazione di fame scompare dopo circa 48 ore.

Naturalmente, alla fine del percorso sarà necessario adottare un regime dietetico adeguato alle nostre esigenze, per mantenere i risultati raggiunti.

Rafforzare il sistema immunitario

Per un ulteriore supporto alla salute, teniamo conto che i due terzi delle cellule del sistema immunitario sono nell’intestino, e il microbiota ha un ruolo fondamentale nello sviluppo di un sistema immunitario forte.

I microbi intestinali possono influenzare le risposte immunitarie agli agenti patogeni e ai vaccini, e l’obesità è legata anche a popolazioni di microbi meno diversificate nell’intestino, nel naso e nei polmoni, con funzioni metaboliche alterate rispetto a quelle degli individui magri. Recenti studi hanno dimostrato l’influenza del microbiota nel mantenimento del peso.

BIOCULT STRONG è un integratore innovativo di 120 miliardi di probiotici. Contiene 8 ceppi batterici (probiotici) scelti tra quelli più frequenti nel microbiota di persone sane, per affrontare le insidie che nuocciono al nostro organismo. Un ulteriore vantaggio: si conserva a temperatura ambiente, senza alterazioni dei lactobacilli.

Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare