Meghan Markle: ecco perché ha denunciato i tabloid inglesi

Meghan Markle: ecco perché ha denunciato i tabloid inglesi

1Svelate le motivazioni che hanno spinto Meghan Markle a denunciare i tabloid inglesi

Ancora una volta protagonista indiscussa del gossip mondiale è Meghan Markle, che torna a far parlare di sé dopo gli eventi delle ultime settimane. Nell’ultimo periodo, infatti, la Duchessa di Sussex è al centro del pettegolezzo, per via di alcune dichiarazioni rilasciate in merito alla stressante vita di palazzo. A fare da spalla all’ex attrice c’è suo marito, il Principe Harry, che ha condiviso le parole della sua consorte. I due sembrerebbero così essere rimasti soli, al punto da decidere di trascorrere le festività in America, lontani da Buckingham Palace. Nel mentre la Markle sta anche portando avanti la sua battaglia contro i tabloid inglesi, che lei stessa ha denunciato da qualche settimana. Ma cosa sarà accaduto e cosa ha portato Meghan a spingersi così oltre? Scopriamo insieme tutte le motivazioni della Duchessa.

Come è ben noto, ad inizio anno il Mail on Sunday ha pubblicato una lettera privata che Meghan Markle aveva scritto a suo padre Thomas, finendo al centro del gossip. A quel punto, infastidita per la violazione della sua privacy, la Duchessa di Sussex e suo marito hanno deciso di denunciare i tabloid inglesi, portando così avanti un’azione legale che ancora oggi non pare essersi conclusa. Nel mentre la coppia sta cercando di tenere a bada le tensioni col resto della famiglia, nonostante pare che la Regina Elisabetta abbia fatto dei passi verso suo nipote e sua moglie. Anche la stessa Kate Middleton sta cercando di riconciliarsi con Meghan, a seguito dello screzio che ha visto protagonisti Harry e William, e pare che a poco a poco stai tornando il sereno a palazzo.

Nel mentre, qualche ora fa sono stati svelati tutti i motivi che hanno spinto Meghan Markle a denunciare i tabloid inglesi. Vediamo tutto quello che è accaduto, e perché la Duchessa di Sussex è così adirata.

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.