Successivo >
Patrizia Rossetti commenta l’addio di Barbara d’Urso a Mediaset

NEWS

Patrizia Rossetti commenta l’addio di Barbara d’Urso a Mediaset

Vincenzo Chianese | 21 Luglio 2023

Nel corso di una diretta social, Patrizia Rossetti ha commentato l’addio di Barbara d’Urso a Mediaset: le sue parole

Parla Patrizia Rossetti

In queste ore a commentare l’addio di Barbara d’Urso a Mediaset è stata Patrizia Rossetti. Come ormai tutti sappiamo l’amatissima conduttrice a settembre non tornerà alla conduzione di Pomeriggio 5, e la notizia ha lasciato senza parole il web intero per giorni. Fin dal primo momento così migliaia di fan hanno manifestato il loro supporto alla presentatrice, che per anni è stata una delle colonne portanti di Canale 5, e il suo lavoro impeccabile ha portato all’azienda dei risultati incredibili. Adesso così a dire la sua è stata anche l’ex Vippona del Grande Fratello Vip 7. Nel corso di una diretta social con Elenoire Ferruzzi, la Rossetti ha infatti commentato l’addio di Barbara. Queste le dichiarazioni di Patrizia:

“Dico la mia, perché stiamo parlando di conduttrici molto valide. È vero che nella vita nessuno di noi è indispensabile. Un grande personaggio ai tempi mi disse ‘il cimitero è pieno di persone indispensabili, siamo tutti utili, importanti, ma non indispensabili’. Però diciamo c’è modo e modo di far uscire di scena tra virgolette una persona”.

E ancora Patrizia Rossetti, proseguendo il suo discorso e prendendo le parti di Barbara d’Urso, aggiunge:

“È successo a me, è successo alla Folliero, ed è successo anche a tantissime altre persone. Diciamo che non c’è garbo, non c’è educazione. Dopo che uno ha fatto tantissime cose, che poi ti possono piacere o non piacere. Però la professionalità è la professionalità. Lei ha prodotto tantissimo. Da noi in Mediaset si produce, si va avanti se ci sono gli sponsor. Se ci sono, significa che il programma va e che la persona funziona. Poi non si può ovviamente piacere a tutti, questo lo sappiamo. C’è chi ti critica e chi ti idolatra, fa parte del nostro mestiere. Però diciamo che non c’è molto garbo”.