Successivo >
Scuola di Seduzione Barbara Fabbroni n. 35 Novella 2000 2019

NEWS

A Scuola di Seduzione con Barbara Fabbroni: donnaioli e farfalloni

Niccolo Maggesi | 22 Agosto 2019

Innamorarsi di uno sciupa femmine: quali sono le conseguenze? Risponde Barbara Fabbroni nella rubrica di Novella 2000 Scuola di Seduzione. […]

Innamorarsi di uno sciupa femmine: quali sono le conseguenze? Risponde Barbara Fabbroni nella rubrica di Novella 2000 Scuola di Seduzione.

Innamorarsi e far innamorare di sé un donnaiolo. Questi due diversi poli costituiscono il terreno d’indagine di Barbara Fabbroni nella nuova uscita di Scuola di Seduzione sul n. 35 di Novella 2000. La psicologa prima traccia un ritratto del farfallone, l’uomo che consapevole del proprio fascino ne approfitta per collezionare conquista. In seguito, fornisce la propria ricetta per conquistarlo. Non sempre infatti la donna che incrocia il suo cammino deve farsi preda, ma può lei stessa rappresentare la trappola. Come? Scopritelo in questi estratti dal nuovo numero di Novella 2000 e Scuola di Seduzione di Barbara Fabbroni.

Barbara Fabbroni in Scuola di Seduzione su Novella 2000: come far capitolare il donnaiolo

Il donnaiolo: croce, delizia, passione di molte donne che restano intrappolate dal suo fascino. Spesso si tratta di uomini, magari non bellissimi, ma dal sex appeal irresistibile. Impossibile sfuggire alla loro capacità di suscitare fantasie erotiche: sguardo che buca l’anima, sorriso non sorriso, abbigliamento trendy… Sai fin dall’inizio che con lui ci saranno delusioni e lacrime, ma fa niente: anche se sogni un uomo che ti rispetti, che abbia occhi solo per te, l’istinto è correre da lui che sprizza sesso da tutti i pori. Funziona così: le fiabe romantiche sono meravigliose, ma quello che attrae è il bello, maledetto e irraggiungibile. C’è solo un rischio: innamorarsi!

Come riconoscere il maschio donnaiolo seriale? Riesce a far illudere la sua preda. Tende a nascondere il suo privato perché può avere una relazione stabile che gli serve da ‘base sicura’, poi girovaga tra mille avventure, senza nulla promettere. Ha una collezione di fanciulle, a nessuna parla mai delle sue prede. 

La sua vita resta top secret, e questo alimenta il suo fascino misterioso. È un fantastico narcisista. Sa di piacere. Nulla è lasciato al caso. Ha il fisico palestrato. Parla bene. È sicuro di sé. Riempie la partner di infiniti complimenti. Cerca il contatto. Ha un carattere friendly. È consapevole del suo fascino e della sua bellezza. Il matrimonio per lui è la tomba del divertimento (se ci resta incastrato, fugge nei suoi spazi di libertà costruendo vite parallele).

Tuttavia il don Giovanni seriale ha un cuore e capita anche a lui di innamorarsi. Come farlo innamorare? Cerca di sentirti vincente, non in balia delle sue decisioni. Il gioco psicologico che lui mette in atto è tra seduttore e preda: all’inizio lui è il seduttore, la donna la preda fintantoché non l’ha conquistata, dopo il gioco si inverte, la donna diventa l’inseguitrice folle delle sue attenzioni.

Evita questo gioco delle parti, mantieniti salda, non diventare la sua cacciatrice. Sii neutra, non diventare stalker, non assillarlo, lascialo libero. Deve comprendere che non è l’unico uomo al mondo, soprattutto nella tua vita. Sorridi, sii un po’ spericolata, lasciati andare mantenendo la lucidità mentale. Questo lo intrigherà molto. Evita scenate di gelosia, non rientrano nel suo codice, tenderà a eliminarti in un secondo. Cerca di capire come vive, come si muove nel sociale, chi frequenta, sii psicologa...

Se un donnaiolo trova una partner per cui perde la testa, il suo comportamento cambia radicalmente. Può diventare fedele! Raro, ma può accadere. Come accorgersi se sei riuscita a metterlo in trappola? È più presente. Ti coinvolge nella sua vita. Ti riempie di mille attenzioni. Progetta un futuro con te. Sprizza gioia, amore, passione. C’è solo una cosa cui stare attente: il donnaiolo, se vive monotonia e noia di un rapporto può tornare nel suo vecchio copione. Lo possiamo tenere a freno?

Nessuno cambia, a meno che non decida consapevolmente di farlo. E se scatta il vero amore, lui può decidere di cambiare”.