Sorrida prego Novella 2000 n. 25 2020

Sorrida Prego: la rivoluzione delle faccette dentali per un sorriso unico

Il dottor Emanuele Puzzilli sul mondo in cui le faccette dentali hanno rivoluzionato il mondo dell’odontoiatria: “Ecco come rendere il vostro sorriso perfetto”.

Le faccette dentali (o veneers) hanno rivoluzionato il mondo dell’odontoiatria estetica. Il motivo è semplice: consentono di stravolgere letteralmente l’aspetto della bocca, regalando a ciascuno il sorriso dei suoi sogni.

Denti bianchi, ben allineati, alla giusta distanza l’uno dall’altro, con una forma gradevole. Quattro caratteristiche che tutti vorrebbero avere, ma che purtroppo non sempre la natura o gli accadimenti della vita concedono. E allora ci si può affidare a un professionista dell’estetica dentale, e chiedergli di realizzare i propri desideri.

Come dico spes so ai miei pazienti: “Madre Natura ci ha dato due dentizioni, quella da latte e quella permanente. La terza la facciamo noi”. È davvero così, gli interventi con le faccette dentali ne sono la dimostrazione. I problemi che riescono a risolvere sono tanti, e alcuni molto seri: denti con forme irregolari, macchiati, consumati, rotti, scheggiati o magari in posizioni scorrette o troppo separati tra loro. Il sorriso cambia radicalmente.

Come avere una bocca da star

Una bocca da star
Non a caso, le faccette estetiche sono molto amate e diffuse tra le star del mondo dello spettacolo. D’altronde, per loro un bel sorriso è ancora di più un elemento chiave per il successo, e ricorrono spesso all’estetica dentale in tutte le sue forme: sbiancamenti, apparecchi invisibili, ricostruzioni in ceramica integrale, eccetera.

Nella mia carriera ho avuto il piacere di lavorare su tanti sorrisi celebri, contribuendo a renderli unici: Mariano Di Vaio, Simona Ventura, Sfera Ebbasta, Alessandra Amoroso, Tina Cipollari, Gianni Sperti, Claudia Gerini, Giulia De Lellis e molti altri.

Vedere i loro denti brillare in TV, sui social network o sui giornali è sempre una grande soddisfazione. Attenzione, però: non bisogna pensare che l’estetica dentale (faccette comprese) serva solo per risolvere difetti che rendono meno belli. Spesso, questi interventi sono utilissimi anche per ovviare a problemi che danneggiano la salute generale. Avere denti regolari, infatti, significa migliorare la masticazione e la chiusura del cosiddetto morso, con una benefici per tutto il corpo.

Quando e come s’interviene

Tecnologia e innovazione
L’applicazione delle faccette è un intervento semplice, ma allo stesso tempo delicato. Non provoca dolore, ma va realizzato con attenzione e materiali di alta qualità. Solo così si può essere sicuri della loro durata e tenuta.

Nei miei studi mi avvalgo di strumenti di alta tecnologia che mi permettono di progettare ogni fase del lavoro e di condividerla con il mio paziente. Per esempio, l’impronta delle arcate dentali viene presa con un innovativo scanner 3D, e non con i metodi tradizionali che possono risultare anche piuttosto fastidiosi.

Questo consente anche di “vedere” il risultato finale, attraverso un’elaborazione tridimensionale, ed è la base da cui parto per realizzare le faccette, personalizzate di volta in volta sia nella forma che nel colore.

Poi c’è tutta la fase operativa: la preparazione dei denti, l’applicazione delle faccette mediante resina, e infine l’asciugatura rapida che permette il fissaggio. Bastano due sedute per completare il lavoro e modellare un sorriso completamente nuovo. È un investimento sulla propria bellezza e sul proprio benessere psicofisico, ne guadagnano corpo e mente.

a cura di Emanuele Puzzilli

Novella 2000 © riproduzione riservata.