lady gaga cani

Sparano al dogsitter di Lady Gaga e rubano due dei suoi cani

Nelle ultime ore dei criminali hanno sparato al dogsitter di Lady Gaga e le hanno rubato due suoi cani. Ecco tutti i dettagli

1Qualcuno ruba i cani di Lady Gaga

Acquista il nuovo romanzo di Daninseries

Nella notte di mercoledì 25 febbraio 2021 un evento del tutto inaspettato è accaduto nella vita della popstar americana. Secondo quanto riporta il sito TMZ, infatti, dei criminali avrebbero sparato al dogsitter di Lady Gaga e avrebbero anche rubato due suoi cani, ovvero dei Bulldog Francesi. Le forze dell’ordine, inoltre, hanno rivelato che la cantante ha offerto 500.000 dollari per pagare una ricompensa e riavere i suoi cuccioli. Specificando, in più, che non farà alcuna domanda sul perché è accaduto.

Ma, infatti, cosa è avvenuto davvero? Secondo le informazioni a nostra disposizione il dogsitter stava portando a spasso gli animali prima delle dieci di sera. A un certo punto, però, uno o più malviventi lo hanno assalito. Non sappiamo cosa sia successo esattamente durante la colluttazione o cosa si siano detti. Fatto sta che gli hanno sparato e portato via Kiji e Gustav.

In base a quanto riporta il sito sopracitato, perciò, sembrerebbe che le forze di polizia abbiano specificato che erano presenti tre cani di Lady Gaga. Due presi dal malintenzionati, mentre il terzo ha cominciato a correre lontano per poi venire trovato in seguito e riportato in salvo all’ospedale veterinario. Dovrebbe riprendersi senza nessuna complicazione. Fonti vicine alla popstar raccontano, intanto, che una volta appresa la notizia si sarebbe molto agitata e preoccupata.

Per tale ragione, come anticipato poc’anzi, ha offerto una ricompensa di mezzo milione di dollari a chiunque riesca a trovare i suoi due cari cuccioli. La situazione è resa ancora più traumatica dal fatto che adesso il criminale è ancora a piede libero e la cantante non si trova a casa sua. Al momento, infatti, è in Italia per girare un film. Scopriamo insieme di cosa si tratta…

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare