Successivo >
Tiziano Ferro rivela come sta dopo il divorzio da Victor Allen

Spettacolo

Tiziano Ferro rivela come sta dopo il divorzio da Victor Allen

Vincenzo Chianese | 2 Ottobre 2023

Nel corso di un’intervista, Tiziano Ferro rivela come sta dopo il divorzio da Victor Allen e cosa è accaduto con i suoi figli

Tiziano Ferro rompe il silenzio

Pochi giorni fa, con un post sui social, Tiziano Ferro ha annunciato di essersi separato da suo marito Victor Allen e di aver iniziato le pratiche per il divorzio. Da quel momento se ne sono dette di ogni sulla fine del matrimonio del cantautore di Latina, che nel mentre domani esce in libreria con il suo primo romanzo, La felicità al principio, edito da Mondadori. In occasione dell’arrivo del libro, in queste ore Tiziano ha rilasciato una lunghissima intervista a Il Corriere della Sera e nel corso della chiacchierata ha rivelato come sta dopo il divorzio da Victor. Queste le dichiarazioni di Ferro:

Come sto? Se dicessi bene, mentirei. C’è di peggio, c’è chi non affronta i problemi e fa scelte all’antica trascinando situazioni che possono diventare tossiche non solo per lui, ma per i figli. Io appartengo a una generazione i cui genitori non si sono lasciati per il ‘bene dei figli’, ma creando in realtà solo scompensi, facendo respirare infelicità ai bambini. Diciamo che sono in una condizione di speranza verso il futuro, ma non posso certo dire che sia un bel periodo.

L’annuncio del divorzio da Victor Allen ha coinciso con la pubblicazione del suo primo romanzo, e in merito Tiziano Ferro afferma:

Affrontare un divorzio non è mai bello, ma il mio è capitato con una tempistica tremenda, la sfiga ha sempre progetti precisi. È una vita che spero di scrivere un romanzo e, ora, la sua pubblicazione si scontra con un cataclisma come questo, che spero non prenda possesso della gioia che devo a me stesso e a chi mi segue. Però, non potevo tenere nascosta la verità. Ho sempre vissuto mostrando una sola versione di me stesso, quella vera. Preferisco così piuttosto che inventare scuse e affrontare l’ansia che le cose possano venire fuori senza che le abbia potute spiegare. In questo momento, tuttavia, io che non sono invidioso, ammetto che invidio chi racconta di essersi separato nella pace più assoluta.

Nel post in cui annunciava la separazione da Victor, Tiziano Ferro ha spiegato di non poter tornare in Italia per promuovere il suo romanzo, dovendo restare in California con i suoi figli Margherita, 2 anni, e Andres, un anno e mezzo. Ma perché il cantante non ha potuto portare con sé i bambini? Ecco cosa svela lui:

Questa frase ha scatenato gli odiatori seriali e ha dato pane ai cretini, specie considerando che i miei figli erano con me in tour in Italia questa estate. Ora, non poter partire coi bimbi è dovuto non alle leggi italiane, ma a un tecnicismo noioso e fastidioso. Avendo un divorzio in corso, non posso lasciare lo Stato della California coi miei figli. Sarei potuto venire da solo, ma avrebbe significato non potermi occupare di loro, che in questo periodo stanno soprattutto con me.

Ma come stanno dunque Margherita e Andres?

“Io e Victor ci siamo rivolti a degli specialisti affinché ci aiutassero coi bambini. La prima e unica cosa che ci hanno detto è stata: teneteli lontani dai conflitti. […] Ridono da mattina a sera, giocano, si rincorrono, sono curiosi, interessati a tutto”.

Tiziano Ferro infine torna anche sul problema alle corde vocali di qualche mese fa. Il cantante infatti, prima della partenza del suo tour di stadi di questa estate, ha scoperto di avere un polipetto e che si sarebbe dovuto sottoporre a un’operazione. Tuttavia dopo due mesi di stop forzato, Tiziano ha ricevuto una lieta notizia: il polipo è infatti regredito e così non è stato necessario l’intervento:

Salivo sul palco con angoscia, col rischio che la voce mancasse di colpo, anche perché, più la sforzi, peggio è. Finito il tour, dopo due mesi di riposo forzato, sono tornato dai medici e il polipo era regredito al punto che non c’era più niente da operare. Praticamente quasi sparito. Un mistero. […] Quello è stato un tour complesso anche perché ero nel mezzo di ciò che ha portato al divorzio. L’ho affrontato con una spada nel cuore. Di sicuro, vivevo l’incapacità di esprimere qualcosa e insieme il bisogno di farlo. Manco a farlo apposta, nel momento in cui questo qualcosa ha preso una forma, seppure brutta e spiacevole, nel momento in cui ho trovato la voce per uscire da quel limbo doloroso, il polipo è regredito.