Tutti contro Flavio Insinna: adesso anche Pupo che lancia l’hashtag #naniuniti

La polemica che in questi giorni ha travolto Flavio Insinna, il conduttore di Affari Tuoi, l’appuntamento quotidiano in onda tutte le sere su Rai 1, sembra non volersi fermare.

La scorsa settimana il tg satirico Striscia la Notizia ha pubblicato alcuni fuori onda che mostravano Insinna mentre inveiva contro gli autori del programma e contro un concorrente.

La cosa ha fatto molto discutere, soprattutto tutti coloro che seguono da anni il programma e il conduttore. Anche la concorrente in questione, interpellata dalla trasmissione radiofonica La Zanzara, ha dichiarato di esserci rimasta molto male per le parole di Flavio e che vorrebbe agire per vie legali.

Così, il noto presentatore ha deciso di scusarsi con il pubblico deluso tramite un lungo post su Facebook in cui ha fatto “mea culpa”.

Ma non finisce qui, perchè ha anche pubblicato due video in uno dei quali ha mostrato l’episodio -mai andato in onda – in cui Valerio Staffelli tentò di consegnarli il tapiro d’Oro.

Secondo Flavio il vero problema è che Affari Tuoi va in onda nello stesso orario di Striscia la Notizia ed è per queste ragioni lo hanno attaccato con tale accanimento. Nel video, infatti, ha tirato in ballo anche Ezio Greggio – conduttore del tg satirico- dicendo: «Perché ce l’hanno tanto con me?”, si chiede. “Sono l’unico che quando hanno cercato di darmi il Tapiro, invece di fare sorrisetti di circostanza, ho detto a Valerio Staffelli: ‘Prima di parlare di Affari Tuoi parliamo del vostro conduttore che deve risolvere un problema con le tasse. C’è su tutti i giornali: il signor Ezio Greggio evasore fiscale. Se avete questa sete di verità, mandate in onda anche questo video». Dichiarazione a cui Ezio Greggio ha risposto tramite una lettera del suo staff: «Ascoltate e lette le diffamatorie dichiarazioni del sig. Flavio Insinna, precisiamo che il sig. Ezio Greggio non solo non ha mai evaso le imposte, sempre pagate in Italia fino all’ultimo centesimo ma, chiariti i passati equivoci, intrattiene un rapporto corretto e trasparente con le istituzioni fiscali».

In queste ultime ore, anche un noto volto dello spettacolo, ha detto la sua in merito alla questione. Stiamo parlando di Pupo che nella sua rubrica Dolce un po’ salato,  sul quotidiano La Nazione, prende le difese di Striscia La Notizia affermando di essersi sentito chiamato in causa in uno dei fuori onda di Insinna:

«Ciò che mi ha dato più fastidio della diatriba Insinna Vs Striscia non è l’ipocrisia, l’arroganza e nemmeno le scuse, non si sa quanto siano poi sincere. A queste cose, noi del mondo dello spettacolo, purtroppo siamo abituati. Ciò che invece mi ha colpito è l’accanimento di Flavio Insinna verso la già naturalmente colpita categoria dei nani. Io che, pur essendo il più alto della specie, ne faccio comunque parte, mi sono sentito coinvolto e offeso».

E poi continua: «Ho addirittura pensato, nel caso la ‘povera’ “Nana Muta” della Val D’Aosta decidesse di adire per le vie legali, di costituirmi parte civile e chiedere a Flavio Insinna i danni morali. Quest’ultimo, più che una punizione dalla Rai, meriterebbe di vivere da nano, minimo per un anno. Sono sicura che questa esperienza lo renderebbe migliore».

Pupo, poi,  ammette le sue parole erano in parte ironica, ma sottolinea che secondo lui la Rai dovrebbe fare chiarezza in merito alla questione: «Invito tutti gli addetti ai lavori che sono in possesso di registrazioni ‘scottanti’, che riguardano i divi nostrani, a tirarle fuori. La gente vuole vederci chiaro, sapere di che pasta son fatti i loro beniamini”.

Infine scherzosamente aggiunge: «D’ora in poi non chiamerò più Flavio con il suo vero nome. Lo chiamerò Insinnolo, l’ottavo nano. Quello imprevedibile e incazzoso», e lancia l’hashtag su Twitter #naniuniti.

1Flavio Insinna

Indietro

Nessun Articolo da visualizzare