Matteo Salvini Elisa Isoardi Novella 2000 n. 50 Barbara Fabbroni

A Scuola di Seduzione con Barbara Fabbroni: il caso Salvini-Isoardi

La psicologa Barbara Fabbroni nella rubrica Scuola di Seduzione per Novella 2000. Cosa comporta il ritorno di un amore dopo un addio: il caso Salvini-Isoardi.

Come ogni settimana, anche il nuovo numero di Novella 2000 attualmente in edicola vi propone qualche lezione sui sentimenti attraverso la rubrica di Barbara Fabbroni. La nostra psicologa si occupa stavolta di decifrare l’inatteso ritorno di fiamma dopo una rottura. Che peso continua ad avere l’abbandono, in un rapporto che si riaccende? Scopriamolo insieme in questo breve estratto da Novella 2000 n. 50, in tutte le edicole da oggi mercoledì 5 dicembre 2018.

Perdonare un abbandono è possibile? Il punto di vista di Barbara Fabbroni

“È possibile perdonare un abbandono? Sì, ma il percorso da fare è tortuoso e lungo. La fine di un amore, magari in seguito a un tradimento, è un lutto vero e proprio, ha la stessa modalità d’elaborazione. Viversi un nuovo amore sembra, almeno in apparenza, risolvere tutti i problemi. Ma nella maggior parte dei casi non è così. Spesso, l’evidenza che emerge dopo qualche tempo del nuovo rapporto conduce a far ripensare a ciò che è stato lasciato. Come si può ricucire un rapporto con un amore interrotto?

L’amore all’epoca dei social

Nell’epoca 2.0 l’amore si consuma in uno spaccato di tempo ridotto, dove tutto è oggetto di post, di un sms, di uno scambio scarno in una fredda chat. Oggi è più semplice lasciarsi via web o via chat che guardarsi negli occhi e spiegarsi. Pensiamo a Elisa Isoardi e Matteo Salvini. Lei comunica la fine della sua storia con un post intimo su Instagram. Scrive: ‘Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora (Gio Evan). Con immenso rispetto dell’amore vero che c’è stato. Grazie Matteo’.

In una manciata di secondi, avvolti in un mare di like, si consuma e getta in pasto al pubblico la propria sfera intima, il proprio vissuto emotivo, la propria storia d’amore. Lui replica: ‘Impegnativa giornata di lavoro in Africa sul fronte immigrazione e sicurezza, ma il telefono dall’Italia mi squilla per altro… Per educazione, carattere e rispetto non ho mai buttato in piazza la mia vita privata, non comincerò a farlo adesso, agli Italiani non interessa. Ho amato, ho perdonato, sicuramente avrò anche commesso degli errori ma ci ho creduto no in fondo. Peccato, qualcuno aveva altre priorità. Buona vita’.

Matteo Salvini in precedenza aveva perdonato una sbandata estiva di Elisa, tutto sembrava aver riacquistato equilibrio e serenità, tuttavia il colpo di scena è arrivato sotto gli occhi curiosi di migliaia di persone. È bastata una foto, una frase per concludere tre anni insieme con una replica postata su Facebook. Questo è quello che resta di un amore al tempo di internet e dei Social…

Come reagire ad un tradimento: i consigli di Barbara Fabbroni

Come possiamo darci ancora dopo un tradimento? Sono convinta che non si può chiudere un occhio nemmeno di fronte a una scappatella. Si possono avere reazioni differenti, ma tutte comportano sofferenza da gestire ed elaborare. Altrimenti il rischio, dopo un tradimento, è quello di una sofferenza infinita che nel tempo può alterare ancor più in profondità il rapporto, logorandolo e spingendo verso comportamenti che mai si sarebbero messi in atto.

Non si può assolutamente negare l’evidenza di un tradimento, non si può lasciar correre, perché sarebbe come dimenticarsi di sé e del proprio vissuto di dolore, sofferenza, svalutazione. Il consiglio è gestire il tradimento come se fosse un sintomo. Quel sintomo va riconosciuto, curato, trasformato in una risorsa. La cosa più importante per uscirne vincenti emotivamente e psicologicamente è ripartire da se stessi.

È importante rivolgere le energie e le attenzioni verso di sé, non più verso il partner con l’illusione che in questo modo sia possibile riconquistarlo. Al centro di tutto c’è la persona tradita. Evitate il controllo sull’altro, tanto ciò conduce solo a inasprire gli animi e a portare il traditore a continuare nel suo comportamento. Poiché può aprirsi una sorta di sfida inconsapevole che rovina ancora di più ciò che è stato rotto”.

Novella 2000 © riproduzione riservata.