Gualdi Novella 2000 n. 2 2021

Belle da Vicino di Alessandro Gualdi: test genetico per conoscere cosa fa bene

Il dottor Alessandro Gualdi sui benefici del test genetico come primo step per affrontare cure di bellezza e non solo: ecco cosa sapere.

“Siamo quello che mangiamo”, diceva a metà dell’Ottocento il filosofo Ludwig Feuerbach. Lasciando da parte la questione filosofica, dal punto di vista biologico è inconfutabile. Il nostro organismo è letteralmente costruito con le sostanze che mangiamo, e funziona grazie a quello che mettiamo nel piatto. Ma sappiamo di quali sostanze ha davvero bisogno il nostro corpo? Cosa gli fa bene, e cosa invece è meglio evitare?

Certo, il mantra è noto: mangia poco di tutto, abbasso i grassi, viva le vitamine, proteine quanto basta, carboidrati meglio a pranzo… E via così.

Sono regole generali, che vanno sempre bene. Poi però esistono le allergie, le intolleranze. Ci sono quelli (maledetti!) che mangiano come lupi e non mettono su neanche un etto. E quelli che ingrassano solo guardando il frigorifero… Perché ognuno di noi è un universo a sé, e ogni corpo ha esigenze diverse, ha bisogno del suo specifico “carburante” per funzionare al meglio.

Medicina personalizzata

La medicina personalizzata è la frontiera della salute. E i test genetici sono lo strumento per creare un profilo individuale utile a prenderci cura di noi.

Nel nostro studio proponiamo due tipologie di test genetici: uno tricologico e uno del metabolismo. Il primo ci fornisce indicazioni precise per individuare i farmaci e i prodotti adatti a ciascun paziente per combattere e curare la perdita di capelli.

Più di una volta ci è capitato di risolvere così un problema di calvizie. Anche più sorprendente è quanto permette di scoprire il test genetico del metabolismo.

Nessun fastidio

Per i nostri pazienti l’impegno è minimo: basta venire in studio e noi preleviamo un campione di DNA passando in bocca un tampone simile a quello ormai noto a tutti per i test del Cronavirus.

Nessun dolore, tutto rapidisismo. Integriamo il campione raccolto con una visita accurata e degli esami del sangue, e poi spediamo tutto al laboratorio di analisi che nel giro di qualche giorno ci fornisce un profilo dettagliato del metabolismo.

Si scopre così quali sostanze sono ben accette dal corpo del paziente, quali innocue e quali assolutamente da evitare.

Meglio la corsa o la palestra?

Si possono individuare leggere intolleranze mai sospettate prima, ma anche capire quali medicinali sono più adatti. Per esempio, capire perché tra tutti gli analgesici in commercio quale funziona meglio contro il nostro mal di testa. O ancora, avere un’indicazione precisa sul tipo di allenamento più adatto al nostro organismo: c’è chi ottiene risultati ottimi con gli sforzi aerobici (a partire dalla corsa) e chi invece è più idoneo per le sedute anaerobiche (pesi, palestra…).

Viene anche controllata la capacità di detossificazione, cioè come le sostanze anti-radicali liberi (come il glutatione o la Vitamina E) agiscono nel corpo, se c’è bisogno di un’aiuto o il fisico ha già un buon equilibrio.

Il test genetico, ovviamente, non sostituisce le conoscenze e l’esperienza di un medico professionista. Chi soffre di obesità o è in forte sovrappeso è comunque bene si rivolga anche al dietologo. Ma con uno strumento così potente, il piano di intervento è più mirato e sicuramente i risultati saranno più veloci.

Salute è bellezza

Bellezza e salute vanno sempre a braccetto. Un corpo sano esprime sempre bellezza, e il primo passo per essere in salute è conoscere a fondo il proprio corpo, saperlo ascoltare e saperlo anche interrogare con gli strumenti giusti.

Per questo, come medici e chirurghi estetici abbiamo deciso di offrire anche il test genetico del metabolismo: è uno strumento per essere più sani, e più belli.

Novella 2000 © riproduzione riservata.

Nessun Articolo da visualizzare