isola dei famosi

Isola dei Famosi: ecco la verità sull’omicidio avvenuto in Honduras

Dopo l’omicidio avvenuto in Honduras nello stesso hotel in cui risiedono la produzione de L’Isola dei Famosi, insieme a Stefano De Martino, viene raccontata la verità sull’accaduto.

Solo ieri abbiamo svelato un episodio accaduto in Honduras che ha lasciato tutti senza parole. A quanto pare nell’hotel in cui risiedono Stefano De Martino e la produzione de L’Isola dei Famosi, ci sarebbe stato un omicidio, avvenuto la domenica di Pasqua. Ad essere brutalmente ucciso è stato un boss narcotrafficante americano, che ha perso la vita per mano di due killer che subito dopo si sono dileguati nel nulla. Immediatamente la preoccupazione è stata dal primo momento rivolta verso la troupe del programma, che però non ha subito danni o contrattempi. La puntata, difatti, è andata regolarmente in onda senza problemi.

FanPage ha voluto indagare sulla questione, ed ha scoperto che in realtà sia lo staff, che Stefano stesso, non erano presenti in hotel al momento dell’accaduto. Ecco cosa si legge sul blog:

“Ecco quanto Fanpage.it ha appreso da Magnolia, la società di produzione dell’Isola dei Famosi insieme a Mediaset. L’omicidio è avvenuto quando Stefano De Martino e la squadra dell’Isola non erano presenti in hotel. Al loro rientro la situazione sarebbe stata già ripristinata dalle forze dell’ordine, senza che alcun tipo di allarmismo o preoccupazione potesse sfiorarli. In effetti, strano era che De Martino non avesse minimamente condiviso alcun pensiero a riguardo e che tutto fosse stato taciuto dai canali ufficiali. Probabilmente anche per non sollevare inutile preoccupazione nelle famiglie e negli affetti che li aspettano in Italia”

Nessun problema, dunque, a quanto pare, per tutta la produzione, che adesso si prepara alla semifinale, che andrà in onda lunedì 9 aprile. Durante la diretta scopriremo chi saranno i naufraghi finalisti e chi, invece, dovrà lasciare il programma ad un passo dalla fine. Chi vincerà L’Isola dei Famosi?

Novella 2000 © riproduzione riservata.