Matteo Salvini critica Mahmood, ma Elisa Isoardi spiazza tutti

Matteo Salvini critica Mahmood, ma Elisa Isoardi spiazza tutti

Sanremo 2019 si è concluso da poche ore e non si fa che parlare della vittoria di Mahmood. Tutti, ma proprio tutti hanno avuto da dire il loro personale parere in merito alla conquista del premio da parte del cantante italo-egiziano. Non è mancato, tra gli altri, il commento da parte di Matteo Salvini, che tra un tweet e l’altro ha criticato questo responso. Non dello stesso parere, invece la sua ex fidanzata Elisa Isoardi, che con un commento ha spiazzato tutti.

Pareri discordanti che hanno immediatamente acceso gli utenti del web, che speravano in un botta e risposta diretto tra i due, che c’è stato solo a distanza con le parole che vi abbiamo riportato.

Salvini e la Isoardi, ormai separati ma in buoni rapporti, stavolta non sembrano essere per nulla d’accordo. Entrambi hanno voluto esprimersi in merito alla vittoria di Mahmood. Ecco la critica di Matteo Salvini e la risposta di Elisa Isoardi che spiazza tutti…

2La critica di Matteo Salvini a Mahmood

Poco dopo la proclamazione di Mahmood come vincitore della sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo, ecco che Matteo Salvini non ha potuto fare a meno di commentare.

Il vice Presidente del Consiglio, pare non aver apprezzato particolarmente il giudizio espresso e critica la decisione finale con un tweet e queste parole:

“Mahmood…………… mah………… La canzone italiana più bella?!? Io avrei scelto Ultimo, voi che dite??”.

Insomma Matteo Salvini non sembra aver gradito il podio finale e ha espressamente dichiarato che avrebbe preferito vedere come vincitore finale, Ultimo. Proprio il cantante romano ora è alle prese con un battibecco acceso nei confronti dei gornalisti.

Quasi certi di queste dichiarazioni da parte di Salvini, a sorprendere e spiazzare tutti, invece, è stata Elisa Isoardi, la quale con un altro tweet ha dichiarato tutto il suo apprezzamento nei confronti di Mahmood. Ecco cos’ha scritto la conduttrice…

Indietro
Novella 2000 © riproduzione riservata.