roberto alessi verità presunta rissa cristiano iovino fedez video

NEWS

Il direttore di Novella 2000 Roberto Alessi racconta la verità sulla presunta rissa tra Fedez e Iovino (VIDEO)

Redazione | 15 Maggio 2024

Fedez

In queste ore Roberto Alessi, direttore di Novella 2000, ha rivelato cosa sarebbe davvero successo tra Fedez e Cristiano Iovino

Il direttore di Novella 2000 Roberto Alessi ha rivelato ciò che sarebbe successo tra Cristiano Iovino e Fedez durante la notte della presunta rissa.

Il racconto di Roberto Alessi su Fedez e Iovino

Una voce più che autorevole mi dice quello è successo al The Club a Milano tra Fedez e Iovino“, così inizia il video pubblicato dal direttore di Novella 2000 sui propri spazi social. Il racconto del giornalista rivela che Federico si sarebbe diretto al locale per incontrare il proprietario, nonché suo amico:

“Fedez è andato per incontrare il proprietario del locale che è un suo amico, peraltro lui non ci va quasi mai. Lì ha trovato il suo tavolino con paio di amici e la sua guardia del corpo, che nulla ha a che vedere con tutta l’organizzazione della Curva Sud del Milan, pur facendone parte.

Pare che al suo tavolo sia andato un ragazzo, amico di Iovino, che poi sarebbe stato allontanato ma non per volontà di Fedez. La security del locale lo avrebbe allontanato e Iovino – sottolineo il condizionale – si sarebbe scontrato con Fedez dandogli un pugno. Vero o falso non lo so. Questo è quello che mi hanno raccontato e che spiego”.

A questo punto anche Cristiano Iovino, secondo le parole di Roberto Alessi, sarebbe stato allontanato “come hanno raccontato Il Corriere della Sera e altri quotidiani“, e Fedez se ne sarebbe andato. Alla fine del filmato viene anche aperta una partentesi su Ludovica Di Gresy:

“Girava voce che sarebbe stata presente in quel privé, ma non è assolutamente vero. Proprio ieri è stata ascoltata dagli inquirenti e ha spiegato la sua posizione. Non c’era e non ne sapeva nulla. Inoltre ha smentito la sua storia d’amore con Fedez”.

Tutto adesso è nelle mani della Giustizia e non possiamo fare altro che aspettare per vedere come evolverà la situazione. Noi rimaniamo sempre a disposizione in caso d’interventi dei diretti interessati.