NEWS

Un bel tapiro per Raffaella Carrà!

Maura Messina | 9 Marzo 2016

Raffaella Carrà Striscia la notizia The Voice of Italy

Striscia la Notizia ha consegnato un bel tapiro a Raffaella Carrà, il motivo? La gaffe che la conduttrice ha fatto […]

Striscia la Notizia ha consegnato un bel tapiro a Raffaella Carrà, il motivo? La gaffe che la conduttrice ha fatto con la concorrente Kimia Ghorbani durante la scorsa puntata di The Voice of Italy.

Una  partecipazione al reality apparsa a molti insolita, quella della concorrente iraniana, vittima del pensiero comune sul suo Paese e sulle restrizioni imposte alle donne.

Kimia è arrivata in Italia, per merito di una scuola italiana di Teheran si è trasferita a Bologna per frequentare il conservatorio. È molto legata alle sue origini, che sottolinea essere Persiane e non iraniane, e vorrebbe battersi per i diritti delle donne nel suo Paese. Lei stessa è stata vittima di un regime fatto di violenza e, per difendere la sua musica, è stata pure in carcere.

La sua esibizione al talent è stata molto apprezzata, così come il  gesto di togliersi il velo, solo il commento della Carrà è stata l’unica nota dolente. La conduttrice infatti in risposta al collega Emis Killa se ne è uscita con un commetto infelice: “Se è per questo non possono nemmeno studiare o guidare la macchina, non possono fare nulla, anzi lei si è tolta il velo perché è qua, ma è una cosa pazzesca”. Un’affermazione un po’ estrema che ha acceso il web, la Carrà si è poi scusata con la concorrente su Twitter, ma di certo il suo bel tapiro se lo è meritato!

Vediamo cosa succederà durante la prossima puntata!

Kimia-Ghorbani_Iraniana-vive-a-Bologna_01

raffaella carrà piazza roma

NEWS

Raffaella Carrà, Roma le potrebbe intitolare presto una piazza

Nicolò Figini | 13 Giugno 2022

Raffaella Carrà

Sembrerebbe che Roma potrebbe dedicare una piazza alla compianta Raffaella Carrà

Una piazza dedicata a Raffaella Carrà a Roma

L’anno scorso, all’età di 78 anni, si è spenta Raffaella Carrà in seguito a una lunga malattia di cui nessuno era a conoscenza. Conosciuta non solo in Italia ma anche all’estero, a Madrid hanno deciso di dedicare una piazza a lei. L’assessore Jorge García Castaño aveva dichiarato:

Raffaella Carrà merita questo e altro. Lei rappresenta un’icona di libertà per molte generazioni. La sua musica ha ispirato più generazioni. È stata una delle prime figure pubbliche a parlare di libertà sessuale ed è un punto di riferimento per la musica e la televisione, un’icona, per Madrid e per la Spagna intera. Dobbiamo omaggiarla al più presto. Merita questo riconoscimento, visto che è sempre stata molto legata a Madrid, città in cui diceva di sentirsi libera e dove si sentiva molto a suo agio a godersi la vita delle sue strade e delle sue piazze.

La stessa cosa, ora, potrebbe succedere anche a Roma. Secondo quanto riporta anche La Repubblica, durante il Pride che si è tenuto a Roma l’ex deputata Vladimir Luxuria ha chiesto al sindaco Gualtieri: “Madrid le intitolerà una piazza. Se lo fa Madrid, perché non lo può fare anche Roma?“. L’altro ha commentato: “Ci stiamo pensando“. Allora Luxuria ha affermato: “Sarebbe bello avere una risposta entro il 18 giugno, giorno del compleanno di Raffaella Carrà“.

Ad ogni modo anche l’assessore alla Cultura Miguel Gotor è certo che la dedica a Raffaella Carrà avverrà: “Stiamo parlando di una personalità dell’arte e della cultura italiana tale che, se e quando arriverà l’istanza, sarà certamente valutata dalla commissione“. Al momento non sappiamo che cosa succederà. Continuate a seguirci per non perdervi tante altre news in merito.

Gli Azzurri omaggiano Raffaella Carrà prima di Italia-Spagna (VIDEO)

NEWS

Gli Azzurri omaggiano Raffaella Carrà prima di Italia-Spagna (VIDEO)

Andrea Sanna | 6 Luglio 2021

Italia-Spagna Nazionale Italiana Raffaella Carrà

Prima di Italia-Spagna gli Azzurri omaggiano Raffaella Carrà. Durante il riscaldamento risuona “A far l’amore comincia tu” – Il video

L’omaggio a Raffaella Carrà

Italia-Spagna, è sempre stato il ‘derby’ di Raffaella Carrà, scomparsa nella giornata di ieri all’età di 78 anni. Amatissima nel BelPaese, ma venerata anche in terra iberica. Un amore esploso nel 1976 grazie a La hora de Raffaella. Questo, negli anni, le permise di guadagnare il titolo di dama al Orden del Mérito Civil, tra le onorificenze spagnole più importanti (nel 1985).

Tifosa della Juventus, ma simpatizzante del club spagnolo del Real Madrid, Raffaella Carrà amava il calcio, così come la Nazionale Italiana. Gli Azzurri, che in lei hanno sempre visto un esempio, per ricordarla hanno deciso di omaggiarla. La FIGC ha chiesto alla UEFA di poter inserire uno dei brani più famosi dell’immensa Raffa nella playlist da utilizzare per il riscaldamento di Italia-Spagna. Ecco quanto si apprende dalla nota ufficiale:

«Amava il calcio ed era una grande tifosa della Nazionale Raffaella Carrà, vera e propria regina della televisione italiana morta ieri all’età di 78 anni. Per omaggiarla, la FIGC ha chiesto e ottenuto dalla UEFA di inserire nella playlist utilizzata per il riscaldamento prima della semifinale dell’Europeo con la Spagna ‘A far l’amore comincia tu’, una delle sue canzoni più amate e ballate».

Si legge nel comunicato della FIGC pubblicato nel corso della giornata odierna. A parlare di questo è stato anche il Presidente Gabriele Gravina che ci ha tenuto a dire: «La scomparsa di un’icona come Raffaella Carrà, donna innovativa e artista straordinaria, ha colpito tutti». E ancora: «Prima di Italia-Spagna, la sua partita, vogliamo ricordarla con allegria, ascoltando insieme la sua musica carica di energia».

Ed ecco dunque che questa sera, nel pre partita di Italia-Spagna i giocatori durante il riscaldamento hanno potuto prepararsi sulle note del celebre brano dell’indimenticabile Raffaella Carrà.

Un momento davvero molto speciale, in onore di una regina e icona come Raffaella Carrà!

NEWS

Nonne bollenti

Matteo Osso | 31 Maggio 2016

Raffaella Carrà

Chi l’avrebbe mai potuto immaginare, solo venti anni fa, che si sarebbe parlato di sex symbol settantenni? Per anni la […]

Chi l’avrebbe mai potuto immaginare, solo venti anni fa, che si sarebbe parlato di sex symbol settantenni?
Per anni la tradizionale soglia dell’inevitabile declino sono stati i cinquanta, traguardo raggiunto il quale la maggior parte delle donne, famose e non, iniziavano progressivamente a trasformarsi in intoccabili perpetue, allungando le gonne a metà polpaccio o sostituendole definitivamente con pantaloni senza forma, accorciando i capelli con virate cromatiche verso i colori del karkadè o nel migliore dei casi azzurrino lunare con iridescenze plumbee, ritirandosi ad una vita sempre più dedita al servizio dei nipoti o a impegni sociali con il rigoroso limite delle ore 19.
Bene, care amiche più o meno giovani, tutto questo è preistoria. Non solo i Cinquanta sono ormai la quinta fase dell’adolescenza, ma abbiamo sfondato serenamente la barriera dei settanta con il sorriso sulle labbra e la voglia di vivere con lo stesso stile delle trentenni, la stessa vita delle trentenni.
E gli esempi non mancano: Jane Fonda di anni ne ha 78, è in una forma invidiabilissima e certamente non le manca la bellezza che da sempre l’ha contraddistinta. Cher ha brindato ai 70,  non riesce più a sorridere nè probabilmente a ruotare la testa, è vero, ma ha la freschezza di una papaya appena colta da terra… Susan Sarandon sfoggia una fisicata da far impallidire le veline, tutte insieme, e dichiara candidamente che il segreto della sua bellezza è il sesso. Per non parlare degli esempi di casa nostra: Raffaella Carrà saltella come una cavalletta ribaltandosi all’indietro nei più scatenati tuca-tuca come fosse ancora il 1971, e di anni ne ha quasi 73; Stefania Sandrelli sta per soffiare su 70 candeline e pur essendo diversa dalla ragazzina dalla bellezza travolgente che diventò famosa quasi per caso più di cinquant’anni fa rimane sempre una donna dal fascino immutato. E poi c’è lei, c’era e ci sarà sempre, l’eterna, immutabile e indimenticabile Virna Lisi, scomparsa a 74 anni e fino all’ultimo giorno esempio di rarissima classe e di bellezza totale  che negli anni è cresciuta insieme alla donna e all’attrice trasformandola in una icona assoluta. A cui non possiamo smettere di rendere omaggio.
Amiche lettrici: se i 70 sono all’orizzonte, montate in sella e sfidateli sulle autostrade della vita. Avete tutto il diritto, e direi quasi il dovere di non lasciarvi andare alla tentazione di fare le pensionate: godetevi la pensione, voi che ce l’avete, ma rimanete quelle di sempre.
Se invece i 70 sono ancora lontani, non fatevi trovare impreparate: oggi la cosmesi e la medicina estetica possono dare una grande mano senza necessariamente dover ricorrere al coltello, eseguite una manutenzione scrupolosa, sceglietevi uno stile che sia una sana e robusta via di mezzo tra la pantofola e la pantera e abbandonatevi ai piaceri della vita.
Che a piangere si fa sempre in tempo…

Aggiungi alla collezione

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.