Ultimo parla finalmente dopo le polemiche: tutte le dichiarazioni

E dopo le polemiche parla FINALMENTE Ultimo: tutte le dichiarazioni

Dopo tutte le polemiche scatenate nelle ultime ore, finalmente Ultimo parla per la prima volta, scagliandosi contro il regolamento di Sanremo

Ore intense, queste, per Ultimo. Il cantante in gara alla sessantanovesima edizione del Festival di Sanremo è infatti finito al centro di una polemica che ha fatto a lungo discutere. Dopo la proclamazione del vincitore della kermesse, il cantautore si è scontrato con i giornalisti in sala stampa, che hanno scatenato la sua ira. In seguito l’artista ha deciso anche di boicottare lo speciale di Domenica In, venendo a quel punto attaccato dai giornalisti e dal pubblico stesso. Adesso, dopo tutte le polemiche, Ultimo parla finalmente per la prima volta, schierandosi contro il regolamento del Festival.

Come sappiamo, infatti, il televoto da casa ha decretato che fosse proprio lui il più votato. Tuttavia, il giudizio della sala stampa e della giuria d’onore ha ribaltato le carte in tavola, facendo si che a vincere Sanremo fosse Mahmood. Così con una serie di storie sul suo profilo Instagram, adesso Ultimo ha parlato per la prima volta, facendo un lungo sfogo e schierandosi contro il regolamento della manifestazione e contro i giornalisti

Scopriamo tutte le sue dichiarazioni.

Ultimo parla dopo la polemiche: le parole del cantante sul regolamento di Sanremo

Con una serie di Instagram Stories, Ultimo ha parlato dopo le polemiche, affermando:

“Eccomi ragazzi, sono appena tornato a casa, finalmente faccio questo video perché sto leggendo un sacco di articoli. Stanno scrivendo un sacco di cattiverie e caz**te. Innanzitutto voglio ringraziare tutte le persone, e sono tante, siete tanti, che mi stano inviando messaggi d’affetto, d’amore e di sostegno, siete tanti, più di quanto pensano loro, voglio ringraziarvi di cuore! Il discorso che faccio è molto semplice, la mia incazzatura è molto semplice. Mi chiedo come sia possibile che il Festival di Sanremo dia l’opportunità di televotare da casa, quindi di spendere dei soldi, la gente vota da casa spendendo dei soldi, si riesce ad arrivare a un televoto del 46%, noi siamo riusciti ad arrivare al 46,5% del televoto, un altro artista arriva al 14 e questa differenza, di più del 30%, viene completamente ribaltata dal giudizio di giornalisti. Gli stessi che quando annunciano sul palco che Il Volo è arrivato terzo esultano come se stessero allo stadio gridando ‘Mer*a! Pezzi di mer*a’. Gli stessi che mentre parlo io gridano ‘Stron*! Deficiente! Vai a casa! Imbecille! Cogl**ne”

E ancora:

“Com’è possibile che questa percentuale di gente che ha votato da casa, che ha speso dei soldi, e la musica la sceglie la gente, non la scelgono i giornalisti, questa percentuale di più del 30% sia ribaltata da dei giornalisti e da otto persone, la “giuria d’onore”, che con la musica c’entrano poco per non dire niente. Com’è possibile? Mi viene da pensare che non è il Festival scelto dal popolo. Questo è un Festival scelto dai giornalisti. Allora non fate votare la gente. Non fate spendere soldi per quattro serate alle persone. Perché se poi un artista riesce ad avere più del triplo dei voti rispetto ad un altro artista, questa differenza non può essere ribaltata da otto persone che formano la “giuria d’onore” e trenta giornalisti”

Ma non è ancora finita.

Le parole di Ultimo dopo le polemiche

Concludendo, Ultimo, parlando ancora delle polemiche, dichiara:

“Mi sento in colpa sono dispiaciuto per le persone che hanno votato da casa e vi chiedo scusa. Io in prima persona come Niccolò, per l’impegno che non ha dato i suoi frutti, sono dispiaciuto per voi. Detto questo non ne parlerò più e spero di chiudere questa pagina e di aprirne altre mille più belle. Vi voglio bene, grazie. Sono molto felice di come sta andando la canzone. Vedo che è molto apprezzata, siamo tutti uniti e compatti e quello è l’importante. Grazie”

Cosa succederà a questo punto? Ci saranno aggiornamenti su questa faccenda? Attendiamo risvolti.

Potrebbero interessarti anche:

Novella 2000 © riproduzione riservata.